lunedì 27 agosto 2012

Beppe Grillo e fascismo

Il movimento di Beppe Grillo sta prendendo piede, molti però iniziano a sospettare che ci sia l'ombra del fascismo dietro certi modi, certi programmi, certe «parole d'ordine».

Mi sono occupato già di Beppe Grillo marginalmente riguardo le sue vaccate sull'Islanda. Di vaccate ne ha dette altre, soprattutto scientifiche, ma rimando ad un post ben fatto di Valentina Arcovio su Wired per chi fosse interessato.

Lungi da me affibbiare pubblicamente un'etichetta di «fascista» a Grillo (anche se questa è proprio la mia opinione, ed ognuno ha il diritto ad avere e manifestare le proprie opinioni), però sarebbe utile conoscere un po' sia la genealogia politica del comico-politico sia qualche suo trascorso così ognuno potrà farsi un'idea in base ai fatti e non in base alle chiacchiere.

«non credete a tutto quello che vi viene detto, ma informatevi!»
(Beppe Grillo)
Ed io sto informando.

Omicidio ed evasione fiscale


Grillo è stato condannato per omicidio colposo plurimo. Nel 1981 ha perso il controllo del suo SUV uccidendo un'intera famiglia che portava con sé: padre, madre e figlio di otto anni. Può capitare, è una sventura e può demolirti la vita, e non c'entra con la politica. Ma immaginate cosa avrebbe detto Grillo se fosse successo ad un altro? Per esempio a Bersani? O a Fini? Oppure a Berlusconi?

Grillo ha dichiarato che, in quanto pregiudicato, non è candidabile nel suo stesso movimento. Ma continua a guidarlo. Un po' come se qualcuno, condannato per resistenza ad un pubblico ufficiale per aver morso il polpaccio di un poliziotto, diventasse Ministro degli Interni e quindi della Polizia. Il che è già successo con Maroni. Che per questo è stato criticato da Grillo che lo ha chiamato «Zanna Bianca». Il mondo è piccolo.

A proposito di ladri, Grillo nel 2003 ha usufruito di un condono fiscale (governo Berlusconi). Lui ha ammesso la cosa, ma dice che il condono era di soli 500 euro, ma i documenti non sono stati pubblicati né mostrati. Se era di soli 500 euro perché non far vedere le carte? Mah!

Alcuni parlano di due condoni, ma non ho trovato fonti affidabili sull'argomento per cui, per me, rimane un condono.

Un fascista come consulente


Ho dedicato una intera playlist su YouTube sull'argomento del «complotto del signoraggio bancario». Sono tesi oggettivamente ed universalmente riconosciute come false.

Giacinto Auriti, professore di giurisprudenza, era un noto fascista che sfruttava il tema della «sovranità monetaria» e del «signoraggio» a fini di propaganda fascista dal lontano 1966.

Infatti in un articolo (vedi fonte 1 in calce) de «La Stampa» del 24 Maggio 1973 si parla di un documento di un'associazione fascista, «Raggruppamento Italico», che nel 1966 contava proprio Auriti tra i suoi reggenti, e che accoglieva personaggi del calibro di Alberto de Stefani (Ministro delle Finanze e del Tesoro per Mussolini) e Giuseppe Gonella (fondatore dei GUF - Gruppi Universitari Fascisti).

Questo documento del 1966 parla di «intangibilità della sovranità nazionale, vulnerata dalla cessazione della sovranità monetaria». I suoi discepoli poi dateranno la cessazione della sovranità monetaria di volta in volta nel 1974, nel 1981, e nel 2002 ma non si può pretendere coerenza da una bufala.



L'ex Presidente della Corte Costituzionale Antonio Baldassarre, in occasione di un incontro pubblico, lo ricorda e lo definisce pubblicamente così:
«Auriti era un uomo di estrema destra... ma proprio estrema... Allora eravamo dei giovani impegnati ad occupare la Facoltà, siamo nel '68. Siccome c'era tutta questa grande cosa dei giovani che dovevano riformare il mondo e fare delle grandi cose, Auriti pur essendo di estremissima destra, venne da noi - perché lui era stato assistente alla Sapienza [...] - a dirci le sue tesi...» (intervento a a 0:44:50 - audio disponibile nel sito del Comune di Soveria Mannelli  e nel sito di Radio Radicale)
Questo non sembrava essere un problema per lo stesso Auriti, che si definì da solo e pubblicamente «più che fascista», e si candidò per le Europee del 2004 nella lista di Alessandra Mussolini.

Auriti fu consulente di Grillo nello spettacolo «Apocalisse Morbida» del 1998, dove venivano presentate le sue tesi sul signoraggio bancario (insieme ad un mucchio di altre tesi complottiste).

Dopo qualche anno gli hanno chiesto qualcosa sul «signoraggio bancario», e Beppe Grillo ha risposto così:
«Il signoraggio è un buco nero nel senso che è fondato... La proprietà della moneta da Auriti in poi ha un buco giuridico. Non si sa bene di chi sia la proprietà [...]»
Purtroppo per Grillo il tema della «proprietà della moneta» è stato sviscerato anche in interrogazioni alla Commissione Europea: la moneta prima dell'emissione è dell'Eurosistema, e dopo l'emissione è di chi ce l'ha nel conto. O in tasca. Semplice.

(aggiunto il 14/01/2013)
Alcuni seguaci di Grillo sostengono che nel frattempo abbia cambiato idea sugli argomenti più complottisti. Ecco invece le sue parole il 10 gennaio 2013.



Promozione ad un uomo di Forza Nuova


Eugenio Benetazzo è un giulivo e sedicente economista che si diletta a diffondere le sue perle di saggezza su YouTube ed in varie trasmissioni televisive.

Questi video vengono ospitati sia nel blog che nel canale YouTube di Beppe Grillo, aiutandolo così ad avere una bella visibilità. I suoi video hanno totalizzato milioni di visualizzazioni. Ha anche un canale YouTube personale per i video con le sue comparsate televisive vecchie e recenti. Anche lì milioni di visualizzazioni. Niente male, ragazzo.

Anche i suoi libri vengono pubblicizzati sul blog di Beppe Grillo (ed io, che conosco il commercio elettronico, so quanto guadagni per ogni singolo click verso Amazon su quei libri, caro Beppe).

Coincidenza, anche Benetazzo è un fedelissimo del complotto del «signoraggio bancario», crede anche alle «scie chimiche» (dice), sostiene in un libro che le operazioni delle «scie chimiche» vengono finanziate dal «signoraggio» e così via. Non spiega però dove caspita sarebbero tutti questi soldi e non spiega come mai se ci sono tutti questi soldi in circolazione non c'è la conseguenza: l'inflazione.

Ho provato a chiederglielo su YouTube. Il mio commento è stato cancellato e mi ha bloccato. Pazienza, non avremo mai la sua risposta (se ne ha una).

Il signor Eugenio Benetazzo è un simpatizzante di Forza Nuova, formazione politica così definita da Wikipedia:
«movimento politico italiano di estrema destra (o ultradestra), talora definito destra antagonista, o neofascista, fondato nel 1997 da Roberto Fiore e Massimo Morsello»
Lo si può ammirare in una splendida performance video (invecchiato in stile Istituto Luce o semplicemente di pessima qualità?) durante una conferenza organizzata da Forza Nuova di Perugia. E bravo Eugenio.

È stato gradito ospite addirittura al II Congresso Nazionale di Forza Nuova. Questo è il programma dell'evento: l'intervento di Benetazzo seguiva quello dell'avvocato Antonio Pimpini, Presidente dell'Associazione «Giacinto Auriti» (ma che strana coincidenza). Bravissimo Eugenio!

Forza Grillo
Foto Orazio Esposito con licenza CC BY-NC-SA 2.0 ed elaborazione personale: non solo Grillo sa fare ironia.

Democrazia diretta


Un cavallo di battaglia del grillismo è il tema della democrazia diretta. Sono innumerevoli i progetti annunciati per virare verso forme più populiste di democrazia: dai referendum anche propositivi e senza quorum, a forme di interazione più strette con governi locali e nazionali. Insomma: basta con questa democrazia indiretta rappresentativa che non ci rappresenta più!

Tutto questo può sembrare all'apparenza molto bello e positivo. Peccato che la democrazia indiretta rappresentativa sia un congegno scelto e messo a punto dai costituzionalisti dopo il fascismo proprio per evitare il ritorno di una dittatura (reale o de facto).


Insomma: quando hanno deciso di organizzare i poteri in un certo modo hanno scelto di correre il rischio di avere dei politici inetti ma non hanno voluto correre il rischio di riavere una dittatura.

Qualcuno preferisce il contrario.

Stati Uniti, Israele, Iran & Iraq


In un'intervista al quotidiano israeliano Yedioth Ahronoth (qui riporto la notizia del Corriere.it) Grillo ha dipinto Israele come il male assoluto, e la Siria e l'Iran come nazioni tranquille paragonabili a quelle occidentali come gli Stati Uniti. Perché? Gliel'hanno detto il cugino (immancabile), i parenti, la moglie iraniana, e poi in fondo sia l'Iran che gli Stati Uniti hanno la pena di morte. Quindi è uguale.

Non è esattamente così. Negli USA una ventina di Stati non applicano la pena di morte, il tasso di esecuzioni rispetto alla popolazione è sedici volte inferiore dell'Iran, e non si impicca qualcuno per apostasia. Tanto per fare un esempio, se la moglie iraniana di Grillo diventasse cristiana e rimettesse piede in Iran, verrebbe impiccata. È uguale? Ok, riguarda la moglie che in fondo è solo una femmina (ironia), ma davvero è la stessa cosa?

Affidereste nelle mani di quest'uomo la politica estera dell'Italia? O le pari opportunità?

«Grillo? Uno di noi!» dicono i neonazisti


Qualcuno potrebbe pensare che i miei giudizi siano di parte (anche se non ho riportato giudizi ma solo dati di fatto), e che neofascismo e Grillo siano due pianeti lontanissimi.

I simpatici neonazisti di Stormfront (un gruppo che si identifica con la croce celtica e la scritta «white power world wide» - potere bianco in tutto il mondo) approvano linguaggio e tesi di Grillo. Questa nota di Facebook riporta alcuni apprezzamenti espliciti con numerosi link alla fonte. Qui ne riporto un paio:
Beppe grillo? non è così male!
Non tappiamoci occhi e orecchie, grillo ha detto quelle cose, e nemmeno molto tempo fa, e sono le stesse che diciamo noi. cittadinanza italiana e dominio sionista degli usa, signoraggio... io penso che questa cosa sia degna di nota.
voi che ne pensate? al di là del giudizio globale su Grillo... cosa pensate relativamente a queste citazioni così affini a quello che sosteniamo anche qui?
E poi ancora:
Beppe Grillo, Uno di noi.
Ho sempre pensato che grillo fosse un nostalgico del fascismo (quella volta che affacciatosi da un balcone disse , la camicia nera ostentata, la dichiarazione che dal 1943 questa classe politica fa disastri, ecc,ecc)
Adesso ne abbiamo la prova: vuole distruggere la democrazia, vuole distruggere i partiti
Che dire? è un grande!
Gli esperti del ramo riconoscono la vicinanza di Grillo. Non lo dico io, lo dicono loro.

Linguaggio fascista


Eh no, non ci casco.

Poco importa se nel linguaggio del Dio* Grillo ci siano vaghi accenni al linguaggio violento del ventennio fascista. Non importa se inneggia allo «sputo virtuale» o se dice che «Camera e Senato sono ormai ridotti peggio dell’ “aula sorda e grigia” evocata da Mussolini» (con tanto di faccione mentone del Dux).

Lo fa apposta, così si parla di quello. lui risponde che i fascisti sono altri, che è un comico e scappa come al solito.

* non è segretario né presidente ma tutto accade per mezzo di Lui nel suo creato beppegrillo.it come da statuto del movimento

Conclusioni

«Io non vorrei mai appartenere a nessun club che contasse tra i suoi membri uno come me» (Groucho Marx)
Insomma, sembra che per qualcuno non sia un problema avere tra i membri del club dei fascisti o delle persone che frequentano disinvoltamente ambienti fascisti.

Per me sarebbe un problema. E forse è un problema anche per chi, un giorno, dovrà scegliere tra chi promuove tesi e personaggi fascisti e neofascisti, e chi invece ne sta alla larga.

Adesso lo sanno (ma potevano immaginarlo), e siccome anche per Grillo è importantissimo informarsi, adesso sono tutti più informati.

Fonte 1

  • andare nel sito www.archiviolastampa.it
  • andare su «ricerche»
  • cercare la frase «in un giornale i progetti per un governo fascista»

P.S.


Lo sapete, i commenti sono moderati. Come è norma di questo blog, qualunque contestazione sul merito sarà ben accetta, pubblicata e considerata. A differenza di Grillo che spara le sue vaccate scientifiche ed economiche e poi evita ogni confronto, sono ben disposto a modificare il post ed a rivedere le mie posizioni, ma solo davanti a dati e fatti ben precisi.
Al contrario, gli interventi fuorvianti tipo le solite lagne «avete paura di noi» e «piddielle piddimenoelle» saranno mandati affanculo© (copyright Grillo).


Si ringrazia Econoliberal per la notizia su «La Stampa» del 1973. Il paragrafo sul neonazismo è tratto da una nota di Gianna Bianca.

Il post è continuamente aggiornato in base alle segnalazioni che mi vengono fatte. Oltre ad alcune correzioni, ecco cosa è cambiato rispetto alla versione iniziale.
  • Completato il riferimento su Benetazzo ed il II Congresso Nazionale di Forza Nuova con l'inserimento del Presidente dell'associazione «Giacinto Auriti».
  • Aggiunto il paragrafo sulle opinioni di Grillo su USA, Israele, Iran e Siria.
  • Aggiunto il paragrafo sulla vicinanza dei neonazisti alle tesi di Grillo
  • Modificata la descrizione dell'incidente del 1981
  • Aggiunto il video http://www.youtube.com/watch?v=srxcacbeB4s 
  • Piccole correzioni non cruciali suggerite da un lettore

(LeFou!)

246 commenti:

  1. Bel post! Alcune osservazioni un pò generiche che esulano, ma solo in parte, dal fenomeno Grillo e che mi sono sovvenute leggendo il tuo articolo: ultimamente si osserva (mi rendo conto che non ho dati sistematici, magari col tempo provvedo) un incremento del "sincretismo" tra estremi. Lo osservo in persone della sinistra radicale che conosco sia in diversi blog che anni fa apprezzavo, una tendenza ad accettare "tutto purchè contro il sistema" e una deriva verso teorie economiche un tempo retaggio dell'estrema destra, verso un antisemitismo estremo (diverso da quell'antisemitismo "light" già presente nella sinistra)e verso il complottismo. Ricordo il sostegno tramite Facebook di molti amici "compagni" al movimento dei Forconi in Sicilia la cui matrice era piuttosto chiara. Mi spaventa, al tempo stesso, il fiorire di inneggiamenti al fascismo, di pseudo-nostalgia e di utilizzo del confronto con Mussolini e l'attuale sistema politico a favore del primo. Non si parla più di gruppetti di estremisti, ma di una diffusione più ampia di una visione edulcorata e populista della dittatura che, temo, trovi spiegazione anche nella diffusione del populismo "da crisi."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. Ho incontrato dopo tanto tempo un ragazzo che ha occupato l'Università con me. Lui girava e gira ancora con il «Manifesto» sotto braccio, ma è un ammiratore di Giulietto Chiesa ed un sostenitore delle teorie cospirazioniste sugli attentati dell'11 settembre.

      L'antiamericanismo e la critica aprioristica verso le multinazionali è stato il terreno di coltura e cultura della sinistra dei decenni passati. Adesso sono arrivati i «nuovi» ed hanno semplicemente sfruttato quei meccanismi senza neanche proporre idee.

      Concordo anche sul populismo «da crisi». I miei video sulla moneta e sull'economia sono pieni di commenti ottusi del genere «perché difendi la situazione attuale?». Come se verificare come viene emessa la moneta significhi automaticamente essere responsabile della crisi o difenderne gli attori.

      Il dramma è che succede anche nei video dove spiego che non si possono costruire motori perpetui...

      Elimina
    2. LeFou, davvero interessanti e anche divertenti i tuoi articoli.. concordo per buona parte con essi.. ma a volte, a mio modesto sentire, il tuo "anticomplottismo" si erge a matrice di verità assoluta che tu da uomo molto intelligente sai benissimo che non esiste... diciamo pure che sei polarizzato con la ragione ma non con il vero... va bene anche questo... PEPPECRILLO mi fa troppo ridere.. ìComplimenti e SALUTI!!!

      Elimina
  2. Finalmente qualcuno dice le cose come stanno!

    RispondiElimina
  3. Dopo avermi fatto venir voglia di installare Ubunutu, hai regalato queste nozioni su Grillo che non avevo voglia di cercare. Grazie mille e ottimo lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me Microsoft tutta la vita, ma ti ringrazio lo stesso, eh! :D

      Elimina
  4. Potresti essere più specifico nell'elencare l'ordine di grandezza dei guadagni ad ogni click effettuato su amazon proveniente da un sito come quello che potrebbe essere beppegrillo.it ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non posso dare la cifra perché sono dati contrattuali riservati e possono variare anche del 100% in base alla qualità del sito ed alla categoria merceologica.

      Comunque per i libri si tratta di cifre che vanno dai 10 centesimi ad un euro. Per un SINGOLO click.

      Elimina
  5. Ormai è un po' che ho capito che grillo è uno dei tanti ciarlatani.
    Purtroppo me ne sono accorto tardi, e per un periodo mi sono fatto influenzare dal suo modo di far cazzate.

    Ma quando ha iniziato a sparare cazzate palesemente cretine ho mangiato la foglia.

    Per lo meno non sono di quelli che difendono a spada tratta e minacciano di morte chi ne parla male, almeno questo mi si conceda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono andato anche ai suoi spettacoli e gli altri li ho visti in DVD. Poi ho iniziato a verificare quello che raccontava...

      Elimina
    2. QUELLO è il punto. Ogni persona intellettualmente onesta può rimanere colpito da un oratore, da un politico, e riflettere su ciò che sente. Poi verifica. Se le tesi non passano il vaglio della verifica, è da idioti difendere i feticcio, come fanno molti grillini. A me è successo con Luttazzi e Travaglio, mi viene in mente. Al vaglio della verità, gentaglia.

      Elimina
  6. Critica tanto i politici che si offendo tra di loro ma non mi sembra che lui si sia comportato in modo differente, personalmente credo che dovrebbe limitarsi a fare il comico come ha sempre fatto

    RispondiElimina
  7. non sono d'accordo sul fatto che con la democrazia diretta spuntino i dittatori, se in un piccolo paese uno volesse imporsi sarebbe fermato dagli altri.

    Una cosa sulla fusione fredda: negli anni 90 la pubblicizzava, di recente invece ha ammesso che è una bufala, magari lo ha fatto anche con il signoraggio.

    Previti quando è stato cacciato dal parlamento ha detto "sapete chi mi ha cacciato? Travaglio e Grillo", qualcosa di buono lo fa Grillo.
    Meglio votare il m5s che i partiti politici

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo che Grillo non ha mai rinnegato le tesi sul signoraggio. Ha sicuramente capito che è una bufala perché è passato da "funziona così" (alla fine dello spettacolo «Apocalisse Morbida» che si può trovare in versione integrale su YouTube), a «il problema è la proprietà della moneta» (il video che ho linkato) finendo con «non ne parlo perché la gente non capisce e si spaventa» (detto in un'altra intervista volante ma che non ho trovato e quindi correttamente non l'ho linkata).

      Su «meglio votare il M5S che i partiti politici» non vedo la differenza. È un partito politico anche quello. Ed il suo «capo» è il più vecchio di tutti dopo Berlusconi.

      Elimina
    2. La democrazia diretta è un'arma a doppio taglio. Nella Germania di Weimar a chiedere la democrazia diretta, a indire referendum e proposte di legge di iniziativa popolare erano soprattutto i movimenti ultranazionalisti, su tutti lo Stahlhelm, un movimento di massa di veterani che nel '29 promosse un referendum per impedire l'approvazione del piano Young e che proprio in quell'occasione "sdoganò" i nazionalsocialisti, fino ad allora marginali. Il discorso sarebbe complesso ma la "democrazia diretta" era un grimaldello per sfiduciare la democrazia rappresentativa ma, alla fine della fiera, miravano al consenso plebiscitario, che di democratico in senso stretto ha ben poco.

      Elimina
    3. "non sono d'accordo sul fatto che con la democrazia diretta spuntino i dittatori, se in un piccolo paese uno volesse imporsi sarebbe fermato dagli altri."
      Verrebbe fermato da chi? Tu dai per scontato che i dittatori abbiano tutti gli altri contro ma guarda che la storia ha anche funzionato diversamente... la lista e` piena di dittatori che avevano il pieno consenso della popolazione.

      Elimina
    4. Non è solo questo, il problema della democrazia diretta.
      Lo è altrettanto la becera ottusità delle masse e la crescente ignoranza dei singoli individui.

      In quest'ottica è chiaro che qualsiasi iniziativa dal sapore populista troverebbe terreno fertile, nonostante le conseguenze potenzialmente distruttive.

      Pensiamo pure alle ipotesi già ventilate nei commenti, a proposito di imposizione fiscale, ma pensiamo anche alle vaccate pseudo-mediche che il movimento direttamente e indirettamente propaganda...

      Elimina
    5. concordo, la meritocraza non va quasi mai a braccetto con i grandi numeri (saranno sempre più gli ignoranti di una materia che i dottori laureati in quel campo nelle università), di conseguenza qualsiasi forma di democrazia diretta esattamente come internet è passibile di forme alternative quali trollaggio, cattiva informazione per mancanza della risorsa scarsa tempo, e superficialità (ogni persona riesce a farsi opinioni senza documentarsi o senza una percezione concreta e precisa di quante poche conoscenze abbia sull'argomento).

      Il problema casomai è che la democrazia tradizionale derivante dal secolo scorso, con il metodo elettivo non si è evoluto in una meritocrazia, ma in una specie di lobbysmo che ha premiato coloro che si compravano il diploma in albania (critica non riferita ai soli leghisti)...

      Elimina
    6. Le forme di rappresentanza sono tutte perfettibili, ovviamente.

      Elimina
  8. se vince grillo e permettono la democrazia diretta con i referendum senza quorum, faccio un referendum per dimezzare tutte le tasse attuali e future, o l'abolizione; distruggo l'Italia solo per il gusto di dimostrare ai grillini che hanno torto, giuro lo faccio.
    Bravo Lefou

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spiega brevemente anche Baldassarre nel convegno: se si fanno i referendum per qualunque cosa, anche su argomenti fiscali, ovviamente la gente voterà per eliminare le tasse...

      Elimina
  9. dati e fatti ben precisi? Cosi' togli tutto il divertimento.

    Qui ci troviamo di fronte al buon vecchio trucco del puntare il dito su quello che non funziona, inventare qualche nemico immaginario, parlare per slogan, proporre idee che non possono essere applicate, passare per vittime del potere costituito, ecc ecc. In più ha il jolly che lui e' solo un comico (e questo effettivamente fa sorridere).
    Sono quelli che riescono a mangiare bene nel piatto in cui sputano.

    RispondiElimina
  10. Tra i militanti e i sostenitori del Movimento 5 Stelle, ci sono persone che non credo abbiano a che fare con movimenti fascisti o simili.
    Più che altro, appoggiano la rabbia e l'indignazione che lo stesso Grillo trasmette nei suoi spettacoli, articoli, interviste, ecc., per l'inettitudine e l'indifferenza nei confronti dei cittadini dei principali partiti, ramo principale dell'attuale modello corporativista che caratterizza la nostra società (peraltro è un'eredità propria del fascismo e mai sradicata).

    Il loro problema è che non hanno soluzioni da dare ai problemi dell'Italia, e quindi scattano automaticamente demagogia e populismo nei loro discorsi e proclami, ma sarebbe sbagliato definirli tutti fascisti nel senso di reazionari antidemocratici e illiberali che discriminano idee e costumi differenti (il razzismo non è mai stato tipico del pensiero mussoliniano fascista, almeno non prima dell'alleanza col nazismo).

    Sulla democrazia diretta con referendum propositivi, mi sento di dover segnalare che nei Cantoni svizzeri è una ben radicata consuetudine e un ottimo strumento per vigilare sui politici.
    Ovviamente a tutto c'è un limite, hanno una cultura in fatto di temi economici e giuridici molto più avanzata ed estesa tra i cittadini, quindi c'è molta più consapevolezza e conoscenza riguardo a certe questioni.
    E la Svizzera non credo sia un cattivo esempio di democrazia e libertà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho scritto che tutti i sostenitori di Grillo siano fascisti. Però se il progetto del movimento ha una mente fascista, alla fine si ritroveranno a sostenere posizioni fasciste.

      Sul caso della Svizzera, loro non hanno avuto un regime dittatoriale e la «democrazia diretta» si esplica solo a livello localissimo e quindi per questioni che non investono gli interessi nazionali.

      Elimina
    2. I partiti estremisti ci sono anche lì credo, quindi la questione non è tanto che abbia avuto o meno regimi dittatoriali. Sicuramente hanno acquisito già da molto tempo una corretta visione di come governare il paese, combaciando misure rappresentative e dirette.

      A livello cantonale (non tutti), è chiaro che anche noi dovremo riformare la costituzione e introdurre una forma di federalismo.
      E poi gli "interessi nazionali" non esistono, è uno slogan che non vuole dire nulla. Molto spesso le intenzioni che dovrebbero favorire la nazione, non raggiungono i sperati risultati e al contrario danneggiano tutti. Ogni piccola comunità ha interessi differenti, così come ogni individuo. L'unica cosa è garantire la libertà e i diritti inalienabili, e non permettere che altri ne possano approfittare anche a livello economico (vedi regioni che non producono una fava e spendono di più di quelle più produttive).

      Elimina
    3. "Ogni piccola comunità ha interessi differenti, così come ogni individuo"

      Certamente.

      Ma altrettanto certamente esistono "interessi nazionali".
      Che vanno dalle scelte di politica economica, a quelle di sanità e previdenza, a quelle di politica estera, a quelle di ordine pubblico ecc...

      Non basta limitarsi a prendere atto dell'esistenza dei diritti fondamentali, bisogna anche mettere lo Stato nelle condizioni di garantirli a tutti i suoi cittadini.

      Il che, ovviamente, non vuol dire permettere sperequazioni di pochi ai danni dei tanti, ma vuol dire comunque strutturare il paese come uno Stato e non un'accozzaglia di amministrazioni di condominio.

      p.s.
      Bell'articolo (al solito), LeFou!

      Elimina
    4. Che vanno dalle scelte di politica economica, a quelle di sanità e previdenza, a quelle di politica estera, a quelle di ordine pubblico ecc...

      Ora come ora, lo Stato italiano non ha intenzione di dare libertà ai cittadini di scegliere il servizio che più gli conviene e che ritiene adatto per sé (vedi appunto sanità, istruzione, previdenza, ecc.).
      Quindi è uno Stato che va riformato, soprattutto ma non solo perché spreca troppo rispetto a quello che riceve.

      Non basta limitarsi a prendere atto dell'esistenza dei diritti fondamentali, bisogna anche mettere lo Stato nelle condizioni di garantirli a tutti i suoi cittadini.

      Certamente, infatti lo Stato deve essere l'arbitro vigile e imparziale della società.

      Lo Stato centrale e centralizzato si è dimostrato incapace di evitare gli sprechi e le inefficienze. Una svolta è necessaria.

      Elimina
  11. La democrazia diretta di beppe grillo che vuole che ogni decisione sia presa tramite una non precisata consultazione via internet non esiste in nessuna parte del mondo svizzera compresa.
    Nemmeno Berlusconi e` un fascista ma si e` comportato come tale, "mi vuole il popolo comando io, decido tutto io, ho diritto di vita e di morte e posso non farmi processare perche` il popolo mi ha votato e vuole cosi` ". Questo e` populismo vuol dire non rispettare i limiti che i processi democratici impongono e di conseguenza si sconfina nelle dittature.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le proposte di Grillo non sono ben argomentate, con schiamazzi e urla non porti grandi novità.
      Berlusconi si è comportato come tale, anche i "democratici" non sono stati da meno...

      Elimina
  12. Governo e opposizione
    Essi vanno messi a braccetto, poiché sono nati nello stesso fango
    [...]
    Essi hanno fatto fino ad oggi il finto gioco di addentarsi e di sbranarsi l’un l’altro, ma è stata questa la solita bugiarda schermaglia di tutti i lenoni e di tutti i briganti, intesi a leticarsi i trenta soldi di Giuda.
    Contro gli uni e contro gli altri, noi combattiamo e combatteremo fino alla morte la nostra battaglia.
    Noi non siamo, e non vogliono essere, un partito.
    Siamo sorti, per generazione spontanea, per un gesto di ribellione di tutta la giovinezza italica, perennemente romantica e perennemente garibaldina, contro la vigliacca tirannia di piccole e grosse minoranze, protette dall’incosciente senilità di uno Stato che, come è fatto oggi, più non serve.


    Chi ha scritto questo brano, secondo voi?

    SOLUZIONE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella citazione, grazie.

      Elimina
    2. Va detto, per correttezza, che il brano è opportunamente rimaneggiato.
      Ma i toni sono esattamente gli stessi!

      Elimina
    3. Rimaneggiato non direi, ché dà l'impressione che io abbia cambiato qualcosa di sostanziale.
      Ho solo eliminato (oppure sostituito con termini più generici e meno specifici, ma dallo stesso significato) le parole che si riferivano direttamente a chi lo ha scritto: altrimenti che indovinello era?
      Senso, sostanza, toni e tutto il resto quelli sono e quelli rimangono, uguali identici e senza rimaneggiamenti.

      Elimina
    4. Senso, sostanza, toni e tutto il resto quelli sono e quelli rimangono, uguali identici e senza rimaneggiamenti.

      Concordo in pieno, Axlman.

      Elimina
  13. la cosa assurda è che anche ragazzi che fanno economia come me credono alle balle sul signoraggio nonostante abbiano fatto macro, economia monetaria ecc....

    RispondiElimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  15. Ci sarebbero una marea di cose da dire sull'argomento... Ma che il debito fosse inestinguibile mi pareva abbastanza ovvio. Parliamoci chiaro, senza cose astratte o complicate, come se fossimo uno davanti all'altra. Le banche private prestano allo stato dei soldi e sono le uniche che lo emettono. Poi pretendono indietro i soldi più gli interessi, che lo stato non può dare perché lo stato ha solo i soldi prestatigli precedentemente dalle banche. Es: ti presto 1 euro, ma sono solo io che posso farlo, e poi ti richiedo indietro 1.03 euro (0.03 di interessi). E' per questo che il debito è inestinguibile. Auriti parlava di "debito pubblico" e di "debiti inestinguibile" quando le cose andavano ancora benino e forse era un modo di mettere in guardia. Ora, a me non importa se uno sia di estrema destra o di estrema sinistra o una via di mezzo, se dice una cosa giusta, va presa per tale. E questo non lo ha detto solo lui. Ci sono tanti economisti che hanno rinunciato al loro mestiere perché l'ambiente squallido delle banche li ha disgustati per il fatto di non avere nessun riguardo per i cittadini, per il proprio paese. Pensavano solo a far soldi, e qualcuno di loro con un po' di cervello e di coscienza, ha protestato. Gli altri per quieto vivere o perché se ne sono strafregati, non hanno contestato il sistema economico. Tu parli male quì sul blog e sui video di youtube e di gente di estrema questa o quell'altra e di "siti complottistici" che dicono che il debito sia inestinguibile, ma non vedi quanto sia chiaro, non vedi che non si tratta di nessun complotto, è una cosa sotto gli occhi di tutti il fatto che il debito sia inestinguibile. E sai perchè tutto questo si può fare nonostante sia terribile (pretendere più soldi di quel che si è prestato)? Perchè lo si è sempre fatto, quindi è consuetudine. Non è illegale perché è sempre stato così, non pensare che il signoraggio bancario sia una cosa recente capitata in Italia ed in Europa. "Nel Medio Evo, infatti, i signori feudali di tutta Europa cercarono di rendersi indipendenti dai sovrani attribuendosi il diritto di battere moneta e la titolarità dei relativi redditi[6][7]." (wikipedia http://it.wikipedia.org/wiki/Signoraggio) Non avendo una banca statale, sono le banche a decidere quanta moneta stampare, quanta darci e si autorizzano anche e chiederci di pià, tramite gli interessi. Perché è sempre stato così. Cito una frase famosa di Henry Ford al riguardo: "E' un bene che il popolo non comprenda il funzionamento del nostro sistema bancario e monetario, perché se accadesse credo che scoppierebbe una rivoluzione prima di domani mattina."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul signoraggio ho prodotto un'intera playlist (sette video) con riferimenti anche ai bilanci della Banca d'Italia che smentiscono completamente quanto affermato. Rimando quindi a quei video per un'esposizione completa dei fatti.
      In breve:
      - Le Banche Centrali non prestano soldi agli Stati
      - Le Banche Centrali emettono moneta per conto degli Stati
      - Il signoraggio attuale corrisponde agli interessi sui titoli usati come contropartita
      - Il guadagno da signoraggio viene girato allo Stato, tolte le riserve
      - Il debito non dipende dal signoraggio, anzi dal punto precedente si desume che viene attenuato
      - Il debito non è inestinguibile in quanto basta spendere meno di ciò che si incassa
      - Henry Ford non era né un banchiere né un economista

      Elimina
    2. No, giusto, hai ragione e mi correggo: -Nessuno pensa che attualmente la BCE stampi denaro dal nulla e lo dia agli stati,
      non potrebbero partecipare alla speculazione le banche presenti sui territori nazionali (da noi private).
      La BCE stampa denaro dal nulla (banconote, non monete), gli pone sopra di esso un valore nominale e lo rigira
      alle banche presenti sul territorio nazionale (attualmente all'1% per questo "o spred" è sceso), ad un determinato
      tasso d'interesse, poi, tali banche, lo prestano allo stato nazionale a percentuali di interesse molto più alte di
      quello imposto loro dall'istituto di credito
      (privato) creatore della banconota. Cambia molto, vero?
      -I politici non spenderanno mai meno di ciò che si incassa, e neanche la popolazione (tra quello che si ruba e quello che spende la popolazione, che ti aspetti?).
      E loro questo lo sanno.
      Più gli dai e più ne vogliono. Viviamo nell'era del consumismo sfrenato del voler accaparrarsi più e sempre più. Inutile negare la realtà, se tu scrivi
      su google "il debito non è inestinguibile" non compare nessuna pagina o sito o blogger che te lo dica.
      Possibile che tua sia l'unico italiano a saperlo mentre gli altri sostengono tutto il contrario?
      -Henry Ford (della ditta automobilistica denominata "Ford" specifico per gli altri che leggono) fu un grande imprenditore e la sua impresa c'è ancora oggi.
      Magari anche lui un giorno, come mio cognato si è trovato oppresso quasi da dover chiudere battenti alla sua falegnameria perché banche e stato pretendevano più di quel che guadagnavano.
      Altrimenti perchè si sarebbe incazzato col sistema economico? Non di certo perché in quanto cittadino americano lo incentivavano per la sua azienda. Sono supposizioni, ma possono essere vere,
      se sono capitate veramente ad altri.

      Elimina
    3. Le sue affermazioni sul signoraggio sono assolutamente false come ho dimostrato nei video che ho realizzato sull'argomento.

      Inoltre come ho spiegato diecimila volte è documentato e lapalissiano che la Banca Centrale gira i guadagni da signoraggio (ovvero gli interessi sui titoli) allo Stato.

      Infine le Banche Centrali (almeno in Europa) non sono "private" ma sono Istituti di diritto pubblico con vertici nominati dalla politica, e non S.p.A.

      Elimina
  16. Poi, per quanto riguarda Beppe Grillo. Sa di essere indagato (anche perché se anche non avesse fatto quell'incidente ci sono tutte le multinazionali e corporazioni che gli danno addosso continuamente ed è sempre in corso un processo su di lui) e infatti non intende fare politica. Lui è vero che controlla il "movimento" che ha creato nel 2009, ma è un movimento delle persone che la pensano come lui. Lui è a capo di questi perché lui esprime ciò che la gente disperata esprime. Anche io se dico pubblicamente delle cose giustissime e non ne posso più, domani la gente mi appoggerà e viene fuori un "movimento", un "pensiero comune" che ci unisce. Che lui controlli il suo movimento, mi pare giusto. Se io sono una prostituta o un tizio indagato perché tempo fa in un incidente ha ucciso qualcuno, ma dico delle cose giuste in piazza, la gente mi appoggia, non gliene frega niente a nessuno chi sono io. Per carità, non sto dicendo che i politici indagati mi stanno bene (anche perché grillo non è precisamente un politico) anzi, ma forse il suo è anche un modo per riscattarsi da quel che ha fatto. Quando scrivi "ed io informo", sembra che tu sia l'unico a conoscere quei fatti, ma non lo sei, però fai bene a condividere le informazioni con la gente. A me non pare che Grillo sia uno che scherzi o sia frivolo su certi fatti. Credo che se fosse capitato ad un altro politico avrebbe detto qualcosa del tipo "Almeno questo processo non c'entra con la politica". Perchè in genere i processi dei politici sono in qualche modo legati a corruzione di ogni genere, legati allo stato o a evasione fiscale. Il suo primo processo invece è legato a questa cosa, che ahimè, credo gli pesi tanto sulla coscienza (peserebbe a tutti). Dici che non vuoi dare del fascista a grillo e che non vuoi discreditare nessuno, ma se poi metti in rilievo cose come "Il fascismo di Grillo", "Omicidio plurimo e colposo" "Omicidio ed evasione fiscale", "un fascista come consulente","Auriti era un uomo di estrema destra... ma proprio estrema..."o"Auriti pur essendo di estremissima destra","movimento politico italiano di estrema destra (o ultradestra), talora definito destra antagonista, o neofascista" è chiaro che il tuo intento sia di dargli addosso, di definirlo fascista anche in base a cose dette da altri. Ok, c'è gente che lo definisce così e forse ci sono molte cose che lo fanno pensare. Ora, se il tizio che passa (che è risaputo che è fascista) mi definisce tale, il mondo deve dargli ragione? Tu credi che solo la gente di destra o che vuole una dittatura gli dia ragione? Io e altri poveri disperati come me che hanno perso lavoro, a cui lo stato ha portato via quasi tutto tramite tasse (per un debito inestinguibile)che non sono simpatizzati nè di qeusto nè di quello, credi che cerchiamo qualcuno da appoggiare perchè fascista o comunista??? Noooo, non ce ne frega niente. Esprime le idee di una buona fetta della popolazione italiana? (sì, visto che è arrivato 3* alle elezioni) E allora ben venga e faccia quello che può. La situazione è talmente drammatica che sembra sciocco vedere come tu sia ancora ostinato come certi miei compagni del liceo su "quello è fascista" e "quello è comunista" che continuavano a classificare la gente in base a non si sa cosa. Ah, e bada bene, che non tutto ciò che è destra è il male assoluto (come invece tende a venir fuori dal tuo post), ci sono anche monarchie in cui la gente vive. Così come nelle dittatura è vero che la gran parte del tempo i capi hanno fatto enormi macelli (Hitler, Mussolini, Franco) ma, seppur in una piccola parte, hanno fatto anche del bene, altrimenti la gente non li avrebbe appoggiati. Esci da questa mentalità del "fascita"-"comunista" e bada alle idee di Grillo, non a come lo definisce la gente. NON BISOGNA MAI GENERALIZZARE e fare di tutta l'erba un fascio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Grillo non è indagato. È stato condannato, e tanti anni fa. Le multinazionali non c'entrano proprio niente.
      - Metto in evidenza ciò che ritengo grave. Mentre altri urlano, io scrivo usando ogni tanto un grassetto.
      - Non gli «do addosso». Riporto delle notizie in fila. Se lui si rifiuta di avere confronti, avrò il diritto (finché me lo permetteranno) di riportare dei fatti?
      - Il debito non è inestinguibile, a meno che non va in mano a Grillo ed ai suoi «economisti» come la Napoleoni che non sa neanche che l'Islanda non è mai entrata nell'euro, che credono che si possa essere tutti felici stampando moneta continuamente.
      - Se i neonazisti razzisti ritengono buono il programma di Grillo, al posto suo mi preoccuperei. Se un trader spacciato come economista andasse a fare lezione ai convegni di Forza Nuova, al posto suo mi preoccuperei. Ma dato che insiste a spacciare cazzate come quella dell'Islanda che non avrebbe pagato il debito, è ovvio che sa perfettamente come stanno le cose. Io posso solo dirlo, se poi uno si vuole buttare nel fosso si accomodi.
      - L'invito di non fare di tutta l'erba un fascio dovrebbe seguirlo innanzitutto Grillo. L'ultima performance è stata dare del fascista a Bersani perché sembra che una centrale di De Benedetti abbia occultato i dati sull'inquinamento ambientale per sei anni.

      Elimina
    2. Grillo parla di politica, trasporti, copyright, inceneritori, centrali a carbone, CIP6 e di case farmaceutiche e ti aspetti che "Le multinazionali non c'entrano proprio niente", ma allora sei cieco.
      Gli mettono continuamente bastoni tra le ruote (in modi più o meno diretti, con la firma o senza del nome della multinazionale) ed è ovvio che sia così, perché anche lui mette i bastoni tra le ruote, ogni volta che può, a loro.
      Perché lui non è d'accordo con il monopolio di una sola impresa che sia l'unica a vendere un determinato bene o servizio. Quindi o non sai di cosa parla Beppe Grillo, o ti sta sulle palle come hai già ripetutamente scritto
      "perché fascista" (o almeno così lo reputi tu). E si, ha pagato per quello che ha fatto, non si può dire che sia sporco dell'omicidio di 3 persone, ha pagato da normale cittadino, con il carcere. I politici non pagano ancora per
      le loro stronzate, che abbiano fatto morire gente o meno, e mai lo faranno, perché pensano solo a pararsi il sedere... "Il fuoristrada di Grillo scivolò su una lastra di ghiaccio in una strada sterrata di montagna e finì in un burrone: morirono tutti
      i passeggeri del mezzo tranne lui, che riuscì a salvarsi saltando fuori dall'abitacolo appena in tempo." (wikipedia)
      "La Corte suprema di cassazione...condannò (Grillo) definitivamente per omicidio colposo plurimo a un anno e tre mesi di carcere, poiché giudicato responsabile della morte..."delle 3 persone. Poteva capitare a chiunque di essere al volante e
      salvarsi ed essere condannato al posto suo.

      Elimina
    3. "A tal proposito lo stesso comico ha pubblicamente dichiarato il suo status giuridico di pregiudicato,
      nonché precisato in più occasioni che mai si candiderà alle elezioni politiche." http://it.wikipedia.org/wiki/Beppe_Grillo
      -Non mi pare che abbia mai rifiutato dei confronti. Di certo spero che non badi a quel che si dice in tv, visto che la tv (appartenente alla gente che odia Grillo, ovvero finanziata dai partiti di destra e sinistra, così come lo sono i giornali),
      SE lo nomina e ne parla, è per dire ca**ate (come del resto anche per le altre notizie) e dicreditarlo proprio perché acquisisce importanza come cittadino attivo e come fondatore di un movimento.
      "i suoi economisti" che credono che si possa essere tutti felici stampando moneta continuamente" questa cosa non mi pare l'abbia mai detta e pensata.
      "insiste a spacciare cazzate come quella dell'Islanda che non avrebbe pagato il debito," sarà pure una cazzata, ma se gli altri possono permettersi non solo di dire,
      ma anche di fare cazzate, allora lasciamoglielo fare.

      Elimina
    4. Saranno i fatti a parlare, alla fin fine. Ma anche se l'Islanda l'ha pagato e tu non concepisci che l'Italia non lo paghi perchè sei uomo d'onore che paga i suoi debiti, ma se l'Italia volesse questo, faglielo fare,
      pena le conseguenze. Alla fine, chi ci perde di più nel non pagare il debito? Chi si è indebitato. E non siamo stati noi cittadini comuni a farlo, stanne certo. Molti di quelli che hanno un mutuo è perché hanno voluto assicurare il minimo alla famiglia:
      l'acquisto di una casa e di una o due macchine, al massimo.
      -Se ci si preoccupasse di tutto quello che pensano gli altri di noi, a prescindere dai propri obiettivi, dai propri positivi o negativi propositi, non si arriverebbe da nessuna parte. Anche di Einstein dicevano che era un incompetente e pare avesse avuto il debito in matematica.
      Ti pare si sia rinchiuso in casa a piangere o che se ne sia fregato altamente e ha continuato per la propria strada. Tu che faresti se una volta diventato "qualcuno" avresti appoggi e oppositori da ambo le parti o solo una delle due? Io me ne strafregherei, perché sono solo io a sapere
      quali sono i miei veri intenti e cosa penso, non penso quello che GLI ALTRI CREDONO CHE IO PENSI. Lasciamo la libera interpretazione a fascisti, neonazisti, comunisti, preti e tutto ciò che vuoi. Alla fine SONO I FATTI quelli che contano. Non ciò che dice.
      -"L'invito di non fare di tutta l'erba un fascio dovrebbe seguirlo innanzitutto Grillo". L'invito è esteso a me, come a te, che per primo hai chiamato Grillo fascista perché i fascisti appoggiano le sue idee. Così come l'invito vale per l'Italia intera, che oramai di tutto fa un fascio
      senza aver mai cercato delle informazioni prima di sputare fuori cavolate.

      Elimina
    5. -Quanto alla pazienza che hai, e ai fatti che sanno difendersi da soli, hai ragione. Solo ti sfido e ti prego al stesso tempo di non fare come tutti i blogger che vogliono passare per seri. Come hai fatto nei tuoi video che presenti le FONTI, così fai anche per il blog, ad ogni frase, metti una fonte, come wikipedia.
      Oltre al fatto che va a tuo favore perché acquisti ancor più credibilità, non ci saranno più scemi che passano e ti dicono "grazie per le info, sono troppo pigro per cercarmele da solo", che fanno solo la figura dei leccapiedi che leggono, prendono tutto per giusto senza discernere o passare in rassegna ciò che gli passa davanti
      (parlo di tutte le cose in cui si imbattono, non necessariamente il tuo blog) e poi vanno a diffondere cose che hanno letto qua e là credendo siano vere, ma senza mai essersi preoccupati di aver detto una baggianata colossale.


      -Non è vero. :) L'hai detto tu che è un fascista. Anche lui vedendo che gli si dà del fascista più spesso che del comunista, forse alla fine, dovendo scegliere tra le due, magari si presenterebbe come destra.
      Poi le idee, i pensieri ed i fatti, non è detto che sarebbero quelli di Mussolini, Franco, Hitler, ecc.
      Vedi bene che in America hanno dx e sn e non è nata nessuna dittatura. Semmai quelle commerciale, bancaria e mediatica.

      Elimina
    6. "Giacinto Auriti diceva esimie castronerie senza senso e le utilizzava per fini di propaganda politica. Tutto qui.
      Io mi occupo di individuare le castronerie e di segnalare perché e percome siano tali. Se poi uno ci rimane male, non sono problemi che mi riguardano."
      Sai perchè uno ci rimane male? Perchè c'è chi dice e chi fa castronerie (eh si dire, fare, tanto oceano) ma ne fa delle peggiori. Poi di Grillo hanno anche detto che sia demagogo. Ma caspita, dategli il tempo di vedere se è demagogo e mantiene (lui o quelli che si candidano a nome del MV5S) gli obiettivi che si è preposto nel programma. Poi se FA (non se dice) castronerie di quelle grosse,
      quello è un altro conto: gli si possono lanciare uova marce e ci verrò anch'io.
      Ma perché prendersela ora che lui non è un politico a tutti gli effetti, si occupa di questioni politiche, economiche, sociali (come dovrebbe fare qualsiasi cittadino ATTIVO nel suo Paese) e dice delle cose, delle castronerie e delle verità. Uno deve discernere e leggere tra le righe.
      Tendo a credere che mentre in tv ci dicono all'80% cose per distrarrci e allontanarci dalla realtà dei fatti, lui nei suoi spettacoli, libri, tv, ne dice forse un 20-30% di castronerie, ma nella maggior parte dei casi il suo intento è di informare la gente. Come il tuo. Se lo fa bene o male, quello è un altro conto.
      E' ad altro che bisogna guardare: ai buoni propositi. Magari dice certe castronerie proprio per provocare la gente a pensare, a dubitare, a informarsi. Non a caso urla "informatevi, non credete a quel che dico io o gli altri". Perché magari anche lui sa che può sbagliare o mentire quando si infervora. Mi sembra onesto, anche in quelle poche menzogne che dice. Più onesto di molti, moltissimi.
      E poi magari Auriti ha detto più castronerie di Grillo, perché fare un tutt'uno (un fascio, per l'appunto) e considerare che entrambi dicano le medesime castronerie. Almeno dì che ne dicano diverse tra loro, c'è più credibilità.

      Elimina
    7. -Il video sul debito dell'Islanda l'ho visto e approvo ciò che hai detto lì e che hai messo in vista le fonti (anche se hai messo in vista le fonti dei giornali che dicono che il debito non è stato pagato e non anche di quello che hai detto tu sulle banche ecc ecc ma mi fido della tua volontà di dire la verità alla gente).
      "La storia non è assolutamente quella che raccontava Grillo in campagna elettorale. È solo l'ennesima stupidaggine detta ad arte per far credere di avere in mano le soluzioni facili per problemi complessi." Perché scusa, quando tu (non so se ti è mai capitato, perché non conosco la tua situazione economica) hai visto che la gente lavora più che mai, paga più che mai,
      ha più difficoltà che mai a tirare sù figli, a mantenerli a scuola, a informarsi (perché non ha tempo visto che si rompe la schiena al lavoro) non hai mai pensato che non è giusto tutto ciò? Che non va bene che lo stato si indebiti così per cose non richieste da noi? Che non vanno bene i politici che fanno leggi per pararsi il sedere anche quando sono indagati perchè rubano? Infine, non hai mai pensato
      che davvero sarebbe la soluzione non pagare? Scusa, se io, persona adulta che ha sempre lavorato e pagato i propri debiti, mi accorgo che lo stato (mentre dice di fare il contrario) aumenta le tasse e parla solo di questo debito che io non so nè m'interessa da dove venga, visto che io i miei debiti li ho pagati sempre,
      e dico: ma perché debbo pagare un debito che NON HO FATTO. E' come dire che io faccio pagare al tizio che passa o ad una zia di 4° grado il mio debito perchè io da solo non posso. Bisogna essere tedeschi, bisogna essere severi e trovare la semplicità e l'utile delle cose. L'Italia ne ha fin sopra la testa di cose assai complicate e tassi variabli, e titoti di questo, e titoli di quell'altro.
      I cittadini non ne capiscono un emerito bene di queste cose ed è ancora peggio, perché diventano dei pupazzi che subiscono e basta, e ad un certo punto iniziano pure a credere che sia giusto così. Io dico: tu paga i tuoi debito che io pago i miei. E gli altri, pensassero ai loro. Ti ho dato la "soluzione facile per problemi complessi", e se vuoi te ne dò un'altra: moneta alternativa.

      Elimina
    8. -"Sul principio attivo, c'era già il diritto da parte del cliente di avere il generico a prezzo inferiore." Ma la gente non lo sa. "La novità è stata solo l'obbligo del medico di segnare solo il principio nella maggior parte dei casi. Il farmacista conosce il principio attivo di ogni farmaco, ha studiato apposta." -.-' Non ci siamo capiti, evidentemente. Basta parlare di loro, di farmacisti, di diritti e di cose che i cittadini medi non sanno e ciò li porta a farsi fregare.
      La popolazione italiana è anziana e malata, e non sa. M'immagino io la veciarella 80enne che va dal farmacista "mi dia il generico a prezzo inferiore, è un mio diritto." Ma figurati, forse le 80enni con riduzioni e altro, sanno meglio di 30enni alla fin fine, cosa spetta loro. Il 30enne va e dice: "mi dia l'aspirina" e gli danno quella più publicizzata o più casa. Di certo non gli viene a dire: è un tuo diritto richiedere il generico, che costa anche meno.
      Non è nella mente del mercante, e mi pare ovvio, sarebbe il suicidio. E' chiaro che il principio attivo che il medico scrive sulla ricetta del malato non serva al farmacista, ma al malato che intanto che ha imparato qualcosa, può dire: mi dia questo principio attivo al prezzo più basso che ha. Il principio attivo al posto del nome "Aulin" o "Klaira" significa meno pubblicità alle aziende farmaceutiche. Significa che ti fanno scegliere, se non c'è il nome specifico,
      a te che sei ignorante (generico) e non sai che se chiedi Klaira, ti danno l'anticoncezionale più caro (ben 16 euro) ed è uguale (anche più leggero) a quello che costa 4 euro! Uno pensa da persona onesta che gli altri siano onesti e dice: ci sarà un motivo se quello che prendo io costa 16 euro e quello che prende lei costa 4 euro: il mio è più buono e nuoce meno alla salute, o è più efficace.

      -Sull'aids ha detto la cag**a colossale, anche se non ho visto il video. Mi ricordo però che chiamò "bufala" la malattia o qualcosa del genere. Quella è imperdonabile e nulla in sua difesa che vada detto o che si provi soltanto a dire. Sarebbe vergognoso da parte mia verso la gente ma anche verso il mio buon senso e comunque non saprei cosa dire perchè una cosa del genere non si afferma, è davvero grave ciò che ha detto, se è così che ha detto.


      PS: caro Didi Spencer, tutti dobbiamo essere civili e trovare la pazienza e l'educazione anche laddove da parte degli altri è venuta a mancare (non è il caso di questo blog, perché "Le Fou" è stato gentile ed educato, e ha risposto pazientemente). E' solo che l'importante a cui ogni uno debba stare attento sempre, è non farsi fregare. Balle spaziali a cui crede la povera gente.

      "I fatti e la verità non hanno bisogno di incazzature per essere difesi. Ci riescono benissimo da soli." Bravissimo e buon lavoro.

      Elimina
    9. Evidentemente sei di parte. Non c'è niente di male ma i fatti sono fatti.

      Io non ho incolpato Grillo di essere tecnicamente un omicida, e l'ho specificato, e solo gli idioti e coloro che devono difendere Grillo a prescindere non riescono a capirlo. Ho scritto che poi Grillo non può rinfacciare a Maroni di aver morso un poliziotto durante una colluttazione. Chiaro? Bene.

      Io non parlo del fatto che sia meglio o peggio di altri, questa è una polemica STRUMENTALE E FUORVIANTE CHE NON MI INTERESSA E CHE QUI NON SI PUÒ FARE. Serve solo a NON parlare dei FATTI, ed è nel bagaglio delle rispostine strumentali che mi fanno davvero ridere. Chiaro? Bene.

      Elimina
    10. «Non mi pare che abbia mai rifiutato i confronti»
      Li ha rifiutati SEMPRE. Può citarmi o linkarmi una trasmissione televisiva dove è rimasto seduto dopo il suo monologo a rispondere punto per punto alle domande altrui? Prego.

      «"i suoi economisti" che credono che si possa essere tutti felici stampando moneta continuamente" questa cosa non mi pare l'abbia mai detta e pensata.» Finale dello spettacolo «Apocalisse Morbida», quello dove dice che l'AIDS non esiste e che i vaccini non servono a niente. Lei non è preparata.

      E sull'Islanda ripete le stesse falsità da SEI MESI. Lei crede davvero che semplicemente NESSUNO GLIEL'ABBIA DETTO??? Allora lei sta sostenendo che Grillo è un fesso circondato da ignoranti? Ullapeppa!

      Elimina
    11. Riguardo a pagare o meno il debito, Grillo dovrebbe parlare con quel Grillo che si lagnava del fatto che l'Argentina non aveva pagato il debito (tango bond) mandando sul lastrico tante famiglie italiane.

      Certo, se uno pensa solo ai cazzi propri con una bella dose di nazionalismo e un po' di razzismo, può sbattersene del prossimo che ha solo avuto la sventura di credere ad un intero Stato. Ma se ha un briciolo di onore (e vuole evitare che NESSUNO GLI PRESTI PIÙ UNA MAZZA IN FUTURO) allora è meglio che faccia la persona seria e ripaghi il debito.

      Elimina
    12. Quali sarebbero le fonti che mancano?

      Elimina
    13. Sulla buona fede di Grillo non voglio trattare, anche se ovviamente mi sono fatto l'idea precisa (e non lo nascondo) che sia un imbonitore, che sfrutti stupidaggini e falsità per fare propaganda e che molte passano come buone senza che nessuno le verifichi solo perché lui è "diverso" dagli altri. Perché l'alternativa è che sia un idiota, e questo non mi pare credibile.

      Riguardo le soluzioni «monetariste» ai problemi economici, sono tutte vaccate. È come credere di allungare la scadenza del latte riscrivendola. Il debito è fatto di risorse VERE che lo Stato usa e che deve restituire. Non ci sono scorciatoie, va restituito e basta.

      Elimina
  17. Ora dimmi, quali sono precisamente le idee che non ti piacciono di Grillo? "Insomma: basta con questa democrazia indiretta rappresentativa che non ci rappresenta più!
    Tutto questo può sembrare all'apparenza molto bello e positivo. Peccato che la democrazia indiretta rappresentativa sia un congegno scelto e messo a punto dai costituzionalisti dopo il fascismo proprio per evitare il ritorno di una dittatura (reale o de facto).
    Insomma: quando hanno deciso di organizzare i poteri in un certo modo hanno scelto di correre il rischio di avere dei politici inetti ma non hanno voluto correre il rischio di riavere una dittatura." Io non preferisco il contrario. Non preferisco nè la democrazia di adesso, nè la dittatura. Se devo esser sincera vorrei una democrazia in cui ci siano solo due partiti politici, uno di destra e uno di sinistra.
    E basta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. «Vorrei una democrazia in cui ci siano solo due partiti politici, uno di destra e uno di sinistra» Questo è esattamente il progetto costituzionale di Berlusconi e la situazione sperata da Veltroni.
      Se il tuo desiderio fosse stato realizzato, il movimento di Grillo non si potrebbe presentare alle elezioni. Non sarebbe né a destra né a sinistra.

      Elimina
    2. Trovo anche affascinante l'accostamento "democrazia indiretta = politici inetti". Non è il sistema elettorale o istituzionale che fa la qualità del politico. Quella dipende da fattori culturali, sociologici, etc. E, se vogliamo dirla tutta, i politici (pochi) finora espressi dal M5S sono di qualità infima.

      Elimina
  18. "Il signor Eugenio Benetazzoento...Giacinto Auriti» (ma che strana coincidenza). Bravissimo Eugenio!"
    E quindi? Se per me simpatizza questo Benetazzo (che non so chi sia nè m'importa) vuol dire che io sono fascista, scusa? Cioè se io mi definissi comunista, allora tutti quelli per cui simpatizzo io sono comunisti? Io a sto sconosciutissimo Benetazza non starei neanche a inserirlo nel mio post... Quanto ad Auriti, abbiamo capito che ce l'hai anche con lui perché pure lui è fascista tanto quanto Grillo PS: Grillo era l'alliveo più brillante di Auriti in economia, ma se non fosse rimasto schifato dall'attuale sistema economico, dalle corporazioni, dalle banche, dalle multinazionali, dalle ditte farmaceutiche, dalle industrie petrolifere, avrebbe rinunciato a questa battaglia di 1 versus 1000. Uno può ribattere: si fa pubblicità, è per soldi. Ma in realtà rischia il carcere ogni volta (perché le multinazionali possono permettersi gli avvocati migliori)e chi glielo fa fare con 2 o 3 figli e moglie a casa? Io non so se gli piace davvero combattere in un Paese di dormienti, in cui va negli spettacoli e grida in faccia alla gente che ride, ma che poi va a casa e si mette a letto dopo lo spettacolo dimenticando tutto e fregandosene, come sempre, per quieto vivere e per pigrizia. Perdonami per la lunga risposta... Aspetto la tua :) E scusa se mi sono allargata un po' con le citazioni. Sappi che non ho davvero nesssun interesse economico a difendere Grillo ma dico solo la mia sull'impressione che ha fatto a me (perchè anche io ad un certo punto mi sono ritrovata a fare le ricerche che hai fatto tu, ma evidentemente siamo giuti a conclusioni diverse). Resta solo da vedere chi dei due si è informato meglio e chi è giunto più vicino alla "verità". :) Adelina.

    PS: per quanto riguarda la soluzione di estinguere il debito non pagandolo, sono d'accordo con te. Nel senso che approvvo la furbizia dell'Islanda di agire così bene per i propri cittadini in momenti di bisogno. Non c'era di meglio per loro che statalizzare le banche (e tra l'altra questa è un'altra cosa che dice Grillo già da tempo, e non credo che lo dica solo per sé). Specifico che se ho frazionato i post è perché non mi faceva mettere uno solo, per il limite di caratteri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ce l'ho con Auriti. Giacinto Auriti diceva esimie castronerie senza senso e le utilizzava per fini di propaganda politica. Tutto qui.
      Io mi occupo di individuare le castronerie e di segnalare perché e percome siano tali. Se poi uno ci rimane male, non sono problemi che mi riguardano.

      Sull'Islanda ho realizzato un video apposito nel mio canale. Il debito lo sta pagando eccome, puoi verificare i documenti. La storia non è assolutamente quella che raccontava Grillo in campagna elettorale. È solo l'ennesima stupidaggine detta ad arte per far credere di avere in mano le soluzioni facili per problemi complessi.

      Elimina
  19. Tra parentesi, Beppe Grillo non evita di dire nei suoi spettacolo che i soldi dei biglietti e dei dvd li spende tutti in avvocati (e forse parte dei soldi che prende dal sito li usa per lo stesso scopo). E mica da due soldi, visto che deve difendersi dagli avvocati delle multinazionali (che mi pare ovvio che si permettano il "meglio" perché possono pagare). C'è gente che bela e pretende di cantare, e poi i soldi di dvd o libri se li gode, mentre lui non può, a meno che non voglia essere rinchiuso. Dice, inolte, di dichiarare al fisco tutto, poi quello lo posso dire io come chiunque, è una cosa che sta allo stato vedere se è vera o no. Ed è più facile passare inosservati al fisco quando si è nessuno piuttosto che quando si è Beppe Grillo o chi vuoi tu (un vip qualunque preso di mira perché magari si sa che è ricco però poi si nota nel bilancio che paga poche tasse). Insomma, a me pare scorretto che l'unico che nonostante non sia un politico e che sta cercando di fare qualcosa per l'Italia (seppure sia 1 contro 1000) venga discreditato e fatto passare per fascista. Bisogna pur sempre ricordarsi che se le ricariche che facciamo ci danno il credito di quel che paghiamo (al contrario di prima che pagavi 10euro e ti davano 8 di traffico) è sempre grazie ad una battaglia di Grillo, perché eravamo l'unico Paese in Europa che stava a questa condizione. Poi, anche la questione del principio attivo da prescrivere nelle ricette delle medicine al posto del nome specifico della medicina (prodotta da tale casa farmaceutica), per non publiccizzare direttamente una medicina ma lasciare al cittadino medio e ignorante, la possibilità di scegliere la marca o di comprare il generico. Da tempo che lui ne parlava, ora si è avverato e forse una piccola parte di merito è sua. E non sono solo queste le cosidette "battaglie" intrprese da lui. Basta essere superficiali. Lo so che la gente è delusa da tutto e da tutti, ma quando uno fa delle cose che non vanno solo a suo favore, bisogna che gli vengano attribuiti i giusti meriti. Nè più, nè meno. Nè lodi, nè pregiudizi, nè altro. Lui è quel che si dice davvero "un cittadino attivo" e tutti dovrebbero prendere esempio e svegliarsi, perché a subire passivamente, persino le urla di Grillo, sono bravi i suoi spettatori così come lo sono i cittadini nei confronti di un sistema corrotto e malsano, malfunzionante, che va rivisto. Ma la soluzione base è una Banca Statale, perchè lo Stato non debba pagare con le nostre tasse interessi ad una banca che non appartiene a nessuno, che non ha patria e che condiziona tutto il sistema finanziario.
    Chiudo con una citazione che dovrebbe far riflettere tutti sui corsi e ricorsi storici, visto che sono cose già accadute quelle che ci troviamo davanti:"Quando un Governo dipende dai banchieri per il danari, questi ultimi , e non i capi del Governo, controllano la situazione, dato che la mano che dà è' al di sopra della mano che riceve... Il danaro non ha madrepatria ed i Finanzieri non hanno patriottismo , nè decenza : il loro unico obiettivo è il profitto." Napoleone Bonaparte , 1815

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul principio attivo, c'era già il diritto da parte del cliente di avere il generico a prezzo inferiore. La novità è stata solo l'obbligo del medico di segnare solo il principio nella maggior parte dei casi. Il farmacista conosce il principio attivo di ogni farmaco, ha studiato apposta.
      Grillo in campo medico diceva altro: ad esempio che l'AIDS non esiste e che i vaccini sono dannosi perché le malattie scompaiono da sole. Questo è gravissimo, soprattutto se viene detto da una persona con la sua visibilità, perché poi la gente rischia di ascoltarlo e MUORE.

      La Banca Statale esiste. Si chiama Banca d'Italia. E non può finanziare il debito con la stampa di moneta, come mostro nel post dedicato.

      E basta con le citazioni di duemila anni fa, per favore.

      Elimina
  20. ora capisco perchè ti chiami "lefou"..questa è proprio una battaglia persa..mi domando dove trovi ancora la pazienza e l'educazione..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I fatti e la verità non hanno bisogno di incazzature per essere difesi. Ci riescono benissimo da soli.

      Elimina
  21. "Grillo ha dichiarato che, in quanto pregiudicato, non è candidabile nel suo stesso movimento. Ma continua a guidarlo. Un po' come se qualcuno, condannato per resistenza ad un pubblico ufficiale per aver morso il polpaccio di un poliziotto, diventasse Ministro degli Interni e quindi della Polizia. Il che è già successo con Maroni."

    Ahi ahi ahi...non per essere un difensore dei leghisti, cosa che non amo fare, ma le avete mai viste le immagini dell'assalto dei poliziotti inviati da Woodcock al presunto ufficio dove doveva essere deposta la fantomatica lista delle guardie padane dopo la dichiarazione della costituzione babbana...opps Padana di Bossi?
    In effetti il caso dell'azzannamento, creato ad arte dai giornali di Sinistra e portato avanti da gente come Travaglio è una strunz...
    I poliziotti tentarono di forzare la perquisizione a caccia di prove dell'insurrezionalismo allo Stato (mica come non fecero con Sud Ribelle), e Maroni difese l'ufficio vantando che per la costituzione italiana quella era la sede di un onorevole italiano, e per questo non poteva essere perquisita (critica: evidente ipocrisia di qualcuno che qualche settimana prima si dichiarava come facente parte del governo babbano). I carabinieri vista l'eccezione chiamarono Woodcock, Woodcock richiese di forzare e perquisite l'ufficio. I poliziotti, manco avessero di fronte un gruppo di black block spinsero fino a far cadere a terra Maroni. I giornalisti ripresero tutto e per un certo tempo il video circolò anche nel web.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sull'episodio Maroni è stato condannato, per me vale quello: non sono un giudice, non sono un PM, non sono un avvocato, non ho letto le carte, non ho condotto un'inchiesta sulla vicenda e nessuno è venuto a raccontarmi come stanno «davvero le cose». Ma non è importante. Può essere anche tutto falso, non cambia NIENTE.

      È importante che Grillo, evasore fiscale e pregiudicato, rimanga nume intoccabile e decisore assoluto di un movimento mentre contemporaneamente critichi Maroni per essere un pregiudicato.

      http://www.beppegrillo.it/2012/04/grillo_e_violen.html

      Se poi lo critica anche a vuoto, tanto meglio. Ma siccome non faccio il tifo, va bene così.

      Elimina
    2. Beh tecnicamente ciò che viene raccontato dai Travaglio/Republicones/M5S è che Maroni ha azzannato al polpaccio un poliziotto. Già da questo uno potrebbe chiedersi: ma Maroni che ci faceva con la testa al livello del polpaccio del poliziotto? Poi dalla perquisizione non spuntò nemmeno la lista della guardia padana (necessaria per dimostrare l'insurrezionalismo armato susseguente alla dichiarazione di indipendenza e di costituzione babbana...opps padana di bossi). In effetti Woodcock mostra questi eccessi di veemenza con i leghisti (giustificati visti certi discorsi deliranti del tanzanese Bossi), ma se invece sono gli ANTIFA o quelli di Sud Ribelle a far brigatismo armato... manco si muove (eh beh tutta colpa dei limiti di territorialità ... altrimenti Woodcock mica avrebbe assolto Sud Ribelle). Personalmente, per quel che conosco degli M5S (mai frequentato i meetup) sono abbastanza certo che questo attacco verrà preso dagli M5S come l'attacco che già si aspettavano dalla stampa venduta ai partiti, in quanto autodefinitisi antagonisti rispetto al centro politico italiano (PD e PDL). Ciò li renderà più militanti per il proprio partito, oltre logica e buonsenso, una cosa che già odiavo quando veniva fatta dai militanti di PD,PDL,LEGA,IDV, PCI-da 1 al decimo partito comunista. Tutte queste critiche a Grillo rientrano anche in quel modus operandi dei partiti del bipolo del secolo scorso: i dissenzienti interni del bipolo che non sostengono il clan di potere od il "faraone", vengono additati come infiltrati dell'opposta fazione. Il classico esempio: recentemente Fini per il centrodestra o nel centrosinistra (Bertinotti fascista quando fece cadere il governo Prodi, i verdi al momento della scissione si davano dei fascisti, i vari PCI, Renzi venduto a Mr.B., D'Alema "abbiamo una banca" lobbista con PDL e Lega, Napolitano fa parte della corrente migliorista dei comunisti in combutta con i fascisti della democrazia cristiana, ecc...).
      Si crea quindi questo simpatico contrasto di elementi per cui si dimostrano in Grillo aspetti tipici dei politici / partiti tradizionali (ipocrisia, affarismo, reati passati in giudicato, autoritarismo nel partito politico, promesse elettorali false, diversione di intenti, evasione fiscale, ....per ora forse mancano solo gli appalti/concorsi truccati ai parenti ed amici / le tangenti e l'acquisto di beni/diplomi con i fondi pubblici del partito), ovvero tutte quelle motivazioni per cui Grillo ed M5S sostengono il cambiamento della classe politica post prima repubblica che negli ultimi 18-19 anni (9 PDL, 8 PD, 2 Monti) ha governato il paese in continuità con il sistema tangentopolista della prima repubblica.

      Elimina
    3. Ed è soprattutto questo che rattrista chi sperava in un cambio di classe/lobby politica con l'avvento di Grillo e le migliaia di SCONOSCIUTI entrati negli M5S (chi da Luogocomune o disinformazione.it, chi dal sito di sandro pascucci, chi nuovo del web o da forum moderati, chi dai forum fondamentalisti di indibay, ecc...), più che additare Benetazzo come fascista perchè intervenuto ad un convegno di Forza Nuova (andrebbe spiegato anche perchè FN si è scissa dall'MSI), e comunista perchè partecipa ad un conveglio (un Servizio Pubblico) di Santoro (ma volendo potrebbe essere pure PDLino perchè Marra è pro-signoraggio, alias la mafia non esiste o IDV perchè lo stesso Di Pietro fece un'interrogazione in tal senso o militante dei Verdi come quegli esponenti che fecero interrogazioni sulle scie chimiche). ^_^ Saran tutti fascisti...
      Molto più intrigante è far notare come Grillo anni 90 spaccasse un computer preso da un fondamentalismo ambientalista/"Sole (Pecoraro) che ride" contro l'inquinamento dell'inchiostro, contro il porno di internet e contro la carta buttata per stampe inutili, previo poi convertirsi al modello internet quando questo gli permetteva di superare la censura televisiva. Epiche inoltre le lotte fra il signoraggista Sandro Pascucci e Grillo (video di uno pro pascucci del 2008 http://www.youtube.com/watch?v=MgCvOj3XA64), che al V-Day, gli chiede di andarsene perchè non ne può più di rispondergli alle sue vaccate (botta e risposta anche alle 4 di notte). Questo cambiamento, che potrebbe essere semplicemente una farsa (Beppe Grillo sul signoraggio nel 2009 http://www.youtube.com/watch?v=vh6DC5TX6rE&feature=related) in comune con lo stile degli onorevoli tradizionali italiani è manna per i giornali militanti che debbono criticare l'altrui per sostenere il proprio partito, ed è di fatto un campanello di allarme per qualsiasi elettore verso qualsiasi partito politico che si comporti come tale, che siano i tradizionali PD, PDL, Lega, IDV PCI-X (x= numero partiti, con x=1-2-3-4...10), i quali secondo me hanno già più volte dimostrato ipocrisia, autoritarismo, false promesse elettorali, parentopoli, sottrazione di fondi pubblici, ecc... od il nuovo M5S che in tutta probabilità, o quanto meno per Grillo, si pone in continuità con la politica tradizionale italiana.

      bbye
      ^_^

      Elimina
    4. Infatti poi politicamente la questione è abbastanza complessa. Magari arriveremo un giorno a capire che il problema non è avere una banca o dare la colpa al signoraggio inventato, o ad un complotto pluto-giudaico-massonico, ma capire se un partito ha un progetto decente e realistico, se lo espone chiaramente, se lo realizza. E se non mantiene quello che promette va a casa.

      Elimina
    5. beh a suo modo alcune cose le ha dette:
      Magic Ball is megl che Dixan (biscardy's english scul) -> 0 - 1

      Evviva il WIMAX che libera dall'oppressione telecom -> (peccato che le reti wifi siano hackerabili) 0 - 2

      Parmalat truffa -> 1 - 2

      economia mondiale sta andando a fanculo, i giovani non hanno futuro (vedo gente lavorare a 300 euro al mese solo per poter vantare curriculum e sperare fra 6 mesi 1 anno di trovare un posto a tempo determinato...quindi non posso esimermi dal dargli ragione) -> 3 - 2 (doppietta Beppe per disoccupazione e pensioni, specie dopo le "truffe" dei subprime ai fondi pensionistici)

      Sostiene il Signoraggio federalista con la creazione di monete locali regionali -> 2 - 5 (tripletta di Bossi)

      Israele - Palestina -> 2 - 6 (praticamente parla come quelli di Freedom Flotilla, "tornatevene ad Auschwitz" e "stiamo aiutando gli arabi contro US, non dimenticate il 9/11")

      realizzare una distribuzione dei prodotti a km0... -> sarebbe un gol per Grillo, se non fosse evidente che non sostengono + questa idea 2 - 6

      Far pagare alle industrie i costi di smaltimento ed incrementare la raccolta differenziata -> 3 - 6 per Grillo...peccato che il PD abbia fregato l'idea agli M5S ed abbia già realizzato ovunque questo progetto.
      ecc...

      Tuttavia preso atto che lobby di potere esistono da oltre 20 anni e creano problemi all'italia (specie ai giovani, specie a quelli neolaureati che non si sono comprati laurea/diploma), e preso atto che le crisi economice si susseguono dal 2008 con una cadenza periodica, duale delle continue finanziarie costituite da tagli o da aumento tasse (tasse dirette od indirette, per esempio quando ti costringono a seguire continui corsi di aggiornamento a tue spese per le continue modifiche di legge) le quali si cumulano da anni manco fossero un tasso di inflazione a discapito del popolo, rimane sempre il quesito/pilastro su cui Grillo basa la sua ascesa: ci si deve fidare di questi politici? come cambiare la classe poliica dirigente che nel 2006, 2 anni prima di dover decidere aiuti alle banche scalavano con amici dei partiti PD, PDL e Lega ben tre banche (da considerare anche a fronte del recente scandalo lega)? Grillo forse ha capito che gli indecisi, primo partito in Italia (se non erro 30-35% gli astenuti, 10% gli indecisi) hanno dubbi sulle "domande pilastro" prima citate.

      Tangentopoli diede l'illusione che qualcosa era cambiato.... voi dite che Grillo dà la certezza che qualcosa non cambierà...e proprio questo aiuta a consolidare quegli onorevoli che di certo non hanno voglia di cambiare la loro situazione.
      Tuto ciò è simpatico
      ^_^

      Elimina
    6. Lo dico con una citazione di Travaglio sul signoraggio bancario:
      http://www.youtube.com/watch?v=OZXGa82Jdhw
      http://www.youtube.com/watch?v=913EbjrXgsE

      Marra usa il signoraggio per sostenere che la mafia e le organizzazioni criminali non esistono.
      Più in generale il signoraggio fa dimenticare tutti gli scandali bancari previsti nel codice penale e spesso compiuti con l'aiuto di politici italiani.

      Elimina
  22. Omicidio ed evasione fiscale: Lo sanno anche i sassi. Hanno già usato questo argomento per infangarlo (Gasparri in primis). Per l'evasione fiscale non lo sapevo, grazie dell'informazione.

    Un fascista come consulente: Se io ed un fascista concordiamo su qualcosa (es. il rispetto per l'ambiente) non vuole dire che io sia fascista. Se si parla di spazio dato sul blog, quello viene dato anche ad individui di altra derivazione culturale (ad es. Dario Fo)

    Promozione ad un uomo di Forza Nuova: Mi fa schifo ma idem come sopra, non è il solo a cui vengono promossi i libri. Guadagna con i click? A chi fa schifo guadagnare? Purtroppo c'è una vena culturale in italia che punta il dito contro chi guadagna, idiozie.

    Democrazia diretta: Non esistono sistemi stabili assoluti e perfetti. Abbiamo avuto politici inetti, adesso si spera di provare altro.

    Stati Uniti, Israele, Iran & Iraq: Da cosa deduci che l'affermazione di Grillo sia falsa? Secondo te l'Iran non è un paese tranquillo? In base a cosa lo puoi affermare? Da chi doveva andare per farsi un opinione sull'Iran? Da qualche ambasciatore? Pensi che chi vive là non ha un opinione sul proprio paese? Grillo ha dichiarato la sua fonte di informazione al riguardo, e noi la prendiamo come tale. Hanno i loro problemi interni ma non vengono risolti se da fuori arriva qualcuno con le bombe.
    Di che tranquillità parliamo?

    1 o 17 è sempre pena di morte.

    No, non lo farei ministro degli esteri, lui stesso riconosce che a fare i ministri ci vogliono persone qualificate.


    «Grillo? Uno di noi!» dicono i neonazisti: Evvabbè, che significa? Nazista spietato? Basta questo? Mi pare poco.


    Ho trovato l'analisi sul personaggio parziale e tendenziosa.
    Ma va bene così! Si capisce che il tipo non ti piace :)



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente ho seguito in prima persona gli spettacoli di Grillo, da «Apocalisse Morbida» a «Delirio» (mi sembra anche di ricordare il manifesto del pesce nel frullatore). Lo seguivo e pensavo che dicesse cose giuste o perlomeno che le avesse verificate. Poi però, quando mi sono ritrovato io a verificarle, le ho trovate TUTTE sbagliate dalla prima all'ultima. Sono anni che racconta un mucchio di stupidaggini per convincere la gente. Ma mettiamo da parte questo.

      Allora mettiamo il caso che io fondi un partito o movimento, e mettiamo il caso che presenti una serie di tesi. Nessuno sa chi sono, le tesi sono coinvolgenti. E facciamo anche conto che non si venga a sapere che sono circondato (anche) da fascisti, e che molte delle mie tesi vengano proprio da fascisti.

      Ma se scopri che queste tesi sono gradite a fascisti e naziskin, a quel punto non importa chi sono io. Perché io, se vincessi, andrei in Parlamento a portare avanti proprio quelle tesi nelle quali si riconoscono fascisti e naziskin.

      In politica la faccia non importa. Importa quello che proponi, e quello che propone è fascismo.

      Elimina
    2. "Un fascista come consulente: Se io ed un fascista concordiamo su qualcosa (es. il rispetto per l'ambiente) non vuole dire che io sia fascista."

      Grillo coi fascisti concorda su una teoria economica (sbagliata) che originariamente nasceva per giustificare il complotto antiebraico (cospirazione dei banchieri ebraici mondiali) e le conseguenze di queste idee si sono viste tra il 1941 e il 1945. Non mi sembra equiparabile a "concordare sulla difesa dell'ambiente".
      Non vorrei sembrare pessimista ma i nazionalsocialisti sono stati "lanciati" dalla destra conservatrice tedesca perchè erano utili alla lotta per un obbiettivo comune (abolizione del piano Young) e poi c'hanno preso la mano e in tre anni li hanno inchiappettati.

      Elimina
    3. "Stati Uniti, Israele, Iran & Iraq: Da cosa deduci che l'affermazione di Grillo sia falsa? Secondo te l'Iran non è un paese tranquillo? In base a cosa lo puoi affermare? Da chi doveva andare per farsi un opinione sull'Iran? Da qualche ambasciatore? Pensi che chi vive là non ha un opinione sul proprio paese? Grillo ha dichiarato la sua fonte di informazione al riguardo, e noi la prendiamo come tale. Hanno i loro problemi interni ma non vengono risolti se da fuori arriva qualcuno con le bombe.
      Di che tranquillità parliamo? "
      Ognuno può farsi tutte le opinioni che vuole pure un nazista può credere a chi vuole. Grillo può pure credere ai suoi famigliari e a suo suocero anche se dovrebbe sapere che sua moglie in quello stato in iran non può circolare, sono centinaia le donne in galera perchè mal velate, per non parlare dei reati di opinione o altro.
      Come va l'economia in iran? Se la fonte è l'alta borghesia, quella che può viaggiare (la famiglia di grillo per esempio), quella che possiamo interagire più spesso non dico che è come sentirsi rispondere da Berlusconi "l'economia va bene perchè i ristoranti sono pieni" ma poco ci manca e non si capisce perchè la fazione di ahmadinejad è stata travolta alle elezioni proprio sulla questione economica.
      Sulle libertà di opinioni provi a fare un bello spettacolo con un bel vaffanculo al governo in iran e vediamo quello che succede. In iran sono sotto gli occhi di tutti due grosse manifestazioni di studenti negli ultimi 10 anni represse a suon di bastonate e fucilate dai guardiani.
      Non parliamo della repressione di internet (senza il quale beppe grillo sarebbe relegato ai suoi spettacoli) nella quale l'iran è tra i primi posti al mondo e potremmo continuare...

      Elimina
  23. Ma ci saranno anche tesi nelle quali si riconosceranno comunisti, anarchici, ambientalisti ecc.
    Quindi tiriamo fuori il bilancino che misura la tendenza ideologica generale, la mia misurazione dice che quella roba lì non è fascismo ma piuttosto un mescolone non etichettabile pronto a mutare a seconda degli umori, alla costante ricerca di consenso.

    La tua misurazione dice che è fascismo.

    Io però devo ammettere che non sono esperto di storia politica, quindi capace che il mio bilancino non funzioni tanto bene!

    Quello che so è che ho sentito anche troppe volte urlare quelli di sinistra "fascisti!" e quelli di destra "comunisti!", pensa che per screditare Renzi non gli danno del fascista ma siamo lì...dicono che è di destra, che non è proprio di sinistra, che insomma è parzialmente dei nostri ecc..
    a me questo etichettare pare un appigliarsi disperato ai rimasugli del fantasma di un identità che non ha piu senso di esistere, un gioco infantile che se dibattuto seriamente sà di pura masturbazione mentale.

    Sà di burocrazia.
    La burocrazia è pallosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Opinione legittima, anche se da parte mia se fossi un politico e mi accorgessi di essere sostenuto da Stormfront e da Forza Nuova mi chiederei: «dove ho sbagliato?» e non «wow! Siamo sempre di più!».

      Su Renzi, anche se non mi sta assolutamente simpatico, posso dire che con lui Firenze è cambiata in meglio, almeno per quello che ho potuto constatare di persona. Poi chi è interessato può cercare di capire se è vero, se è tutto merito suo e della sua giunta, o se è un caso.

      Elimina
    2. il mio dubbio, limitatamente al tempo che posso perdere a seguire la questione, è: entrano mafiosi nei partiti politici... quindi cosa possiamo trovare dentro un gruppo aperto come gli M5S?

      I primi ad essersi mossi nel web per fare politica nei forum, erano gli ANTIFA di indymedia... le inchieste e la chiusura del server, nonchè alcune vicinanze politiche possono aver spinto alcuni ad approdare nel gruppone Grillo. Grafica stile graffito, continui richiami alla parola Virus di Grillo (tormentone dei punk, movimento "artistico" vicino agli anarchici che spesso si fregiava sia dei simboli fascisti che comunisti), il richiamo alla totale perdita di senso del significato di Destra e Sinistra (cosa che purtroppo ha significato anche per me ogni qualvolta mi riguardo la scalata congiunta di tre partiti italiani nell'affare bancopoli). Nei meetup si trovarono anche i file originali con le intercettazioni a Sud Ribelle, nell'inchiesta del G8 di Genova, postati da uno degli imputati coinvolti/assolti, riportati alla luce dai magici bot sniffer di Google. Ma nel gruppo in quelle poche occasioni in cui sono entrato di persona con gli M5S ho visto anche persone comuni, tanto da non sembrarmi molto chiaro nè la diffusione di teorie complottiste, nè il peso di componenti fasciste, o antifasciste (antifa) o discutibili nell'insieme.
      La lotta al potere negli M5S è evidente, con alcuni che tentano di mettere la testa fuori per apparire migliori, specie visto il forte limite dei due mandati che impone di fare tutto presto e subito, forse anche per arrivare a Roma.
      Così l'idea della democrazia diretta, imposta da Grillo al partito, con elezione via web (criticata da "anziani M5S") casualmente coincide con l'attacco DDOS di Anonymous al blog di Grillo per motivazioni semiserie di vicinanza al fascio (che lefou mi pare abbia dimenticato di elencare nel post)capace forse di stimare la possibilità di pilotare una votazione via web, valutando i limiti di banda. Questo è il bandolo della matassa di un partito nato con la convinzione della democrazia diretta e l'utopia di Gaia (vedi video su youtube) di Casaleggio (votazioni via web ed altri deliri utopici), idea principe del non statuto del partito che non può essere dismessa oggi che potrebbe favorire taluni giochi di potere nel partito stesso.
      Teoria complottista la mia?... può darsi...

      PS: TheQ è riferito al personaggio Q di Star Trek.
      Decisamente mi dona
      ^_^

      Elimina
  24. comunque: http://goo.gl/suRWR

    "«Proponiamo che tutte le delibere fatte dalla giunta Maniero possano essere sottoposte a referendum se ci sarà una richiesta di almeno 100 residenti»."
    A Mira c'è uno dei tre sindaci M5S eletti nella recente tornata elettorale (un ventiquattrenne). Alla prima voltazione PD primo, seguito da Grillini PDL e Lega, al ballottaggio PD secondo con gli stessi voti, PDL invariato, crollo della Lega, M5S primi.
    ^_^''

    Ora, son curioso di vedere cosa succederà, perchè con 100 voti basta un circolo di militanti PD o PDL per mandare a referendum (aumento di spesa per le casse comunali) qualsiasi votazione del consiglio, tra l'altro dilazionando i tempi di approvazione di delibere di mesi, per organizzare il consiglio.

    In pratica una trappola alla democrazia diretta.
    (commento pubblicato anche in un altro blog)

    RispondiElimina
  25. qualcuno di voi si è mai preoccupato di leggere il programma?
    qualcuno di voi ha mai partecipato ad una riunione del MoVimento 5 Stelle?
    giusto per sapere

    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "qualcuno di voi si è mai preoccupato di leggere il programma?"

      Sì. Ecco perché ho parlato di finta democrazia diretta tesa a scardinare le garanzie costituzionali antifasciste.

      - Referendum sia abrogativi che propositivi senza quorum (così una popolazione disinformata da un saltimbanco bugiardo può essere condizionata a votare leggi assurde)
      - Leggi rese pubbliche on line almeno tre mesi prima delle loro approvazione per ricevere i commenti dei cittadini (così per tre mesi la legge non entra in vigore e se arriva un mucchio di troll complottisti a rompere le palle bisogna ricominciare daccapo)

      Altro?

      "qualcuno di voi ha mai partecipato ad una riunione del MoVimento 5 Stelle?"

      Non serve, tanto decide Grillo. Quello che non si può candidare.

      Elimina
    2. Se posso fare una richiesta a M5S e LeFou, vi va di mettere in risalto dove il programma degli M5S è in contrasto/accordo con il Grillo Pensiero o dove per esempio il programma degli M5S è in accordo con le vaccate complottiste (credo sia il termine adatto) di Grillo del fantomatico spettacolo del 1990 (quello dove Grillo blaterava di signoraggio bancario, vaccini AIDS finta, ...), spesso citato dai detrattori di Grillo/M5S?
      Credo che ciò sarebbe interessante, anche perchè per esempio:
      "programma di educazione sanitaria indipendente pubblico e permanente sul corretto uso dei farmaci, sui rischi e benefici", tratto dal programma, può significare tutto e niente, se applicato dagli M5S o da quel Beppe Grillo che blaterava di vaccini inutili un decennio fa.

      Rispondo anch'io:
      >> qualcuno di voi si è mai preoccupato di leggere il programma?
      Si, ma non sono daccordo su tutto e come debunker non sono daccordo con certe uscite stile "magic ball" di grillo. Se gli M5S rinfacciassero a Grillo i suoi errori migliorerebbero, facendo invece da cassa di risonanza si comportano esattamente come i militanti dei partiti tradizionali per la loro elite politica di fiducia.

      >> qualcuno di voi ha mai partecipato ad una riunione del MoVimento 5 Stelle?
      no dato che non sono iscritto a nessun partito politico e mi vanto di essere logico e realista piuttosto che militante ideologizzato per qualche partito politico. Tuttavia ho avuto modo di discutere con M5S anziani.
      Il logico-realista valuta i pro ed i contro delle soluzioni. Il militante ideologizzato individua un motivo per portare avanti l'idea politica dei suoi capi, indipendentemente che questa risolva più problemi di quanti altri ne crea.

      Elimina
    3. "qualcuno di voi ha mai partecipato ad una riunione del MoVimento 5 Stelle?"
      Non serve, tanto decide Grillo. Quello che non si può candidare.

      Ero ormai convinto di non riuscire ad inserirmi nella discussione , vista la "caratura" dei commentatori, ma dopo questa affermazione non posso tacere. Io sono attivista da sempre e in 5 anni non abbiamo mai avuto interferenze di nessun tipo. Lavoriamo per denunciare il malaffare e per migliorare i servizi della ns città/paese. Non essendo alleati con nessuna forza politica e avendo dimostrato imparzialità, in questi anni siamo diventati l'unico riferimento per la denuncia di imbrogli e porcherie varie rischiando del nostro ogni volta che facciamo una mozione o un articolo.
      Per questo non vogliamo applausi, come cittadini ci spetta.
      Le critiche le accettiamo da chi come noi lavora sul territorio , il resto sono chiacchere.

      Elimina
    4. No. Pari metodo, pari argomenti.

      Quando Grillo parla di partiti parla di Alfano, Bersani, Casini, Monti, Napolitano dileggiandoli e personalizzando la lotta politica.
      Questo io non sono solito farlo, ma poiché lo fa Grillo stesso, DEVE accettare di essere trattato nello STESSO modo. Quindi personalizzo, e come Grillo se ne infischia del lavoro sul territorio dei partiti (che spesso fanno bene con tante energie giovani), anche io simmetricamente me ne infischio del lavoro sul territorio da parte di rispettabilissime persone come lei che scrive.

      Quando si parla di elezioni nazionali (che si avvicinano) allora devo parimenti far riferimento ad un leader. Che è Grillo, è IL PIÙ VECCHIO (tranne che di Berlusconi, che ormai è out), che è un pregiudicato penale e reo confesso di reato fiscale. Se fossi un comico con il suo livello di disprezzo verso il prossimo, potrei fare una battuta molto cattiva del tipo: «Vuole guidare l'Italia come guidava il suo SUV».

      E quando io come cittadino voglio sapere cosa ne pensa Grillo su certi temi, non posso accettare la sua risposta nazistoide «il confronto lo faccio nelle piazze». Ma che cazzo di risposta è? Se lo dicesse un altro, come sarebbe trattato?

      Non può evitare il confronto scappando come un coniglio come ha sempre fatto perché non sa rispondere e perché sa di rischiare di prendere una tranvata definitiva sui denti con una semplice domandina. Si confronti come tutti gli altri e scenda da quel piedistallo. È mio diritto di cittadino che lo faccia perché come cittadino ho il diritto ad essere informato.

      Il resto sono chiacchiere. Di Grillo.

      Elimina
  26. Leggi rese pubbliche on line almeno tre mesi prima delle loro approvazione per ricevere i commenti dei cittadini (così per tre mesi la legge non entra in vigore e se arriva un mucchio di troll complottisti a rompere le palle bisogna ricominciare daccapo)

    Dipende cosa s'intende per "prima della loro approvazione": prima che siano presentate in parlamento per discuterle oppure è da interpretare come una "vacatio legis" di tre mesi per dare spazio ai cittadini per commentare la norma?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se si fa prima della discussione è ancora peggio. Il Parlamento si occupa di migliaia di leggi alla volta, ma la maggior parte di esse neanche raggiungono la discussione in aula (non dico l'approvazione).

      Elimina
  27. quindi le mie poche righe vi hanno fatto già capire che io sono un "militante ideologizzato"?
    io penso che sia meglio, per la mia visione delle cose, un referendum nel quale l'astensione valga come un "no".
    se sei contrario vai a votare e voti "no" se sei a favore voti "si" altrimenti vuol dire che non ti interessa.
    poi capisco che sia più semplice delegare qualcosa a qualcun'altro così se non piace si lo si può sempre additare.
    io vi consiglio lo stesso di partecipare ad una riunione del M5S. non è una riunione di partito. è aperta a tutti. Grillo non c'è tranquilli. cercate di essere un pò più umili prima di sparare a raffica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente non credo di aver definito proprio nessuno. Ho risposto nel merito.

      Ripeto: il "quorum" serve per evitare che un gruppo ristretto di persone possa abrogare (o addirittura approvare nel caso di Grillo) leggi che possano portare verso il totalitarismo.

      Se le stupidaggini e le bugie palesi che Grillo continua a sparare a casaccio non bastano a bollare ogni sua iniziativa come fuffa integrale, non capisco come si possa ragionare obiettivamente su un referendum...

      Elimina
  28. Al momento non posso che apprezzare il M5S e l'operato dei cittadini che ne fanno parte. voglio vedere come andrà alle politiche e voglio dar loro/noi (non dimentichiamoci che il movimento si basa sul feedback dei cittadini e sulla loro partecipazione) la possibilità di cambiare qualcosa nel nostro paese.

    grazie,
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei capire quanti punti del programma siano stati discussi davvero e COME e DOVE questo sia stato fatto. Veramente.

      Lei ha una risposta?

      Elimina
  29. Articolo veramente pietoso in stile con il suo video circense per sputtanare le scie chimiche col quale, come con questo articolo, si sputtana da solo.
    Attaccare la persona e non le sue tesi, quello che sostiene, è un tipico marchio di fabbrica di debunkers; dire che Grillo ha causato un incidente col suo SUV nel 1981 all'inizio del pezzo non vedo quale scopo possa avere se non quello di rendere chiaro da subito che il suo intento è sputtanare lo stesso Grillo, non informare come mentendo sostiene. Associare la tesi del signoraggio al fascismo perchè Auriti ha quella provenienza è un altro lampante esempio; screditare le persone anzichè controbattere nel merito le cose che sostengono. Poi assolutamente comica la risposta al commento che chiedeva di quantificare il presunto guadagno di Grillo sui libri che pubblicizza: "non posso dire la cifra perchè varia a seconda del sito e della categoria merceologica"...........ci sarebbe da ridere se chi dice queste cose non sostenesse, mentendo, di stare dando informazioni alla gente che legge!
    Sarebbe come se io dicessi rispondendo a chi me lo chiede che una persona è stata condannata per furto ma ad una successiva richiesta di precisazioni affermassi però non posso dire in che anno c'è stata la condanna nè la sanzione che gli è stata irrorata perchè nel frattempo la legge è cambiata e oggi quel reato è stato depenalizzato........praticamente sparare fango senza avere una benchè minima pezza d'appoggio........vergognarsi no eh??????????
    Le consiglierei di studiare un po' di più per cercare di essere credibile almeno.......cosa che comunque non le si addice per principio.
    Ha pensato di fare il clown al circo, il talento c'è almeno per quello......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 0) So che i complottisti sono solitamente fascistoidi, ma non sono obbligati a difendere ogni fascista in ogni post scritto nel web.

      1) Se ho il senso dell'ironia, non è un delitto. E se non capisce le battute se le faccia spiegare, è un suo problema. Pensi che c'è gente che fonda comitati segreti e parla male dei massoni...

      2) Non ho attaccato la persona. Ho verificato quello che ha detto nei suoi spettacoli pubblici, ho cercato di ricostruire chi gli ha suggerito certe teorie, ho verificato che tali teorie sono graditissime (appunto) in ambienti che vanno dai neofascisti ruspanti nostrani ai naziskin. Se uno fa politica propone di realizzare proposte, e se tali proposte coincidono con quelle fasciste io ho il dovere civico di scriverlo.

      3) Se lei non capisce il senso del post se lo faccia spiegare da qualcuno che l'abbia capito. Non faccio ripetizioni, non ho tempo.

      4) Non sono io ad associare il signoraggio al fascismo. È il fascismo che se ne appropria.

      5) La cifra l'ho esposta, e se lei non sa come funziona il commercio elettronico non è colpa mia ecc. ecc. Del resto c'è una mia intervista pubblica quando ero direttore di un commercio elettronico, almeno in quello mi concederà di essere competente, o solo gli ignoranti imbroglioni che segue lei lo sono?

      6) Devo studiare? Lo faccio tutti i giorni, cosa che i complottisti che segue lei non fanno. Infatti non solo non rispondono alle mie obiezioni, ma mi bloccano, mi minacciano e mi offendono come ho potuto ben documentare.

      Che posso dirle, ognuno si sceglie i propri compagni di viaggio.

      Elimina
  30. Ovviamente è probabile che il mio commento non vedrà mai la luce, ma nel caso meglio così; non vorrei sputtanarmi io a veder pubblicato un mio commento sul suo blog pieno di......favole :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vittimismo tipico dei bimbi complottisti. Ora vada a dormire, che è tardi e domani mattina ci sono i cartoni animati.

      Elimina
  31. Che fa risponde piccato??? Allora forse ho colto nel segno........
    Ha solo confermato che siccome alcuni che sostengono il signoraggio sono fascisti allora Grillo è fascista......bella logica.....mi domando con che faccia giriate tra la gente lei, Attivissimo e altri vostri simili......evidentemente il pelo sullo stomaco è un carattere di famiglia per voi.
    A proposito di "complottisti", un altro modo per sputtanare solo con l'utilizzo strumentale del nome, lo domandi agli ingegneri, piloti e tecnici di Verità per l'11 settembre se non sono preparati e se non hanno portato fior fiore di prove, non chiacchiere, che dimostrano che la panzana della versione ufficiale sull'attacco alle Torri Gemelle non sta in piedi.
    Complottisti.....complottisti un par di palle potrei dire, persone che non hanno mandato il cervello all'ammasso e non hanno rinunciato alla propria indipendenza e al proprio spirito critico: il contrario di uno come lei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non rispondo "piccato". Rispondo semplicemente.

      Se lei fosse una persona matura e dotata di quello «spirito critico» che rivendica con tanta veemenza, risponderebbe a sua volta e sugli ARGOMENTI DEL POST.

      Qui si parla di Grillo, non di 11 settembre o di Attivissimo. Se ha un problema nei confronti di una persona perché scrive a me? Non sono uno psichiatra, non posso esserle d'aiuto.

      Poi capisco che per evitare di rispondere e mandare le discussioni in vacca, chi sa di avere torto ha come unico mezzo quello di attaccarmi e di catalogarmi come avversario, ma con me non funziona. Sia perché rispondo tranquillamente a tono, sia perché non sono qui a civilizzare i teppisti del web.

      Ora, se vuole contestare qualcosa sono qui. Se invece vuole solo trollare non le ammetterò più alcun commento.

      A lei la scelta.

      Elimina
    2. Lei è un ottuso cafone. I suoi insulti verso di me privi di ogni argomentazione oggettiva non sono stati approvati, così ora potrà vantarsi di essere stato censurato.

      Si sente realizzato? Bene, ho compiuto una buona azione anche oggi.

      Elimina
    3. Mi consenta un osservazione, "architetti e ingegneri per la verità sull'11 settembre" non annoverano piloti nel loro gruppo, se non piloti di aerei ultraleggeri, perché loro membri come ingegneri o architetti, quindi vanno presi con il beneficio del dubbio, E' possibile iscriversi anche senza alcuna dimostrazione di reale appartenenza ad un albo professionale riconosciuto, famosa è l'iscrizione del fake "Massimo Dell'Affidabilità" fatta dal gruppo undicisettembre, e dove ci sono persone convinte che le torri siano crollate grazie ad ordigni nucleari o con l'uso di raggi laser.
      Ma sopratutto dove non ci sono molti ingegneri ed architetti realmente qualificati per esprimere un opinione.

      Elimina
    4. Ha solo confermato che siccome alcuni che sostengono il signoraggio sono fascisti allora Grillo è fascista......bella logica.....mi domando con che faccia giriate tra la gente lei, Attivissimo e altri vostri simili......evidentemente il pelo sullo stomaco è un carattere di famiglia per voi.
      ----------------------------
      Ma no, lo sanno tutti che Benetazzo è comunista perchè ha presenziato Servizio Pubblico.
      E' come il Mago Othelma, tutti sanno che è del PDL perchè ha partecipato alla manifestazione giovanile di Atriu, mentre è una bufala che sia il tesoriere dei Radicali di Genova.
      ^_^


      A proposito di "complottisti", un altro modo per sputtanare solo con l'utilizzo strumentale del nome, lo domandi agli ingegneri, piloti e tecnici di Verità per l'11 settembre se non sono preparati e se non hanno portato fior fiore di prove, non chiacchiere, che dimostrano che la panzana della versione ufficiale sull'attacco alle Torri Gemelle non sta in piedi.
      --------------
      Io a "se non sono preparati" penso a Gage con gli scatolotti...
      http://goo.gl/Ptn3l
      Professional!


      Complottisti.....complottisti un par di palle potrei dire, persone che non hanno mandato il cervello all'ammasso e non hanno rinunciato alla propria indipendenza e al proprio spirito critico: il contrario di uno come lei.
      ----------------
      Beh ogni tanto qualcuno uccide la nipote con la balestra... ma solo d'estate con i colpi di calore.

      Elimina
  32. Vittimismo non è parola che mi si addice; altro esempio di attribuzione arbitraria all'avversario di caratteristiche che fanno comodo all'accusatore......che palle le vostre tecniche, non avete proprio fantasia, su si sforzi, può fare di più:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno che scrive «Ovviamente è probabile che il mio commento non vedrà mai la luce» ecc. ecc. è un vittimista. Non so nella sua lingua come si possa definire uno che ha un atteggiamento del genere e che poi risponde facendo di nuovo la vittima.

      Elimina
  33. "So che i complottisti sono solitamente fascistoidi, ma non sono obbligati a difendere ogni fascista in ogni post scritto nel web"



    Aridaje come direbbero a Roma.......si ribalta la frittata e anzichè discutere del merito della questione la si denigra accostandola falsamente al fascismo e basta!!!!

    No domani mattina danno l'ennesima replica della versione ufficiale degli attacchi dell'11 settembre, quello che lei ed altri come lei dovete difendere per contratto anche a costo di tripli e quadrupli salti carpiati all'indietro.......mi creda è molto meglio di un cartone animato......peccato che da quel fatterello sia dipesa la morte di qualche centinaio di migliaia di persone, ma questi sono dettagli per voi...questione di etica che vi manca del tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non replico agli sciacalli, mi dispiace.

      Elimina
  34. quindi tu credi al complotto dell'11 settembre, al complotto delle scie chimiche, al complotto del signoraggio e a questo punto presumo che tu creda al complotto delle case farmaceutiche, i vaccini dannosi e l'HIV non esiste, sei l'unico babbaleo che non fa parte del complotto.
    La cosa divertente è che pensate di essere informati, di aver studiato molto (su youtube e nei siti fogna), ma soprattutto pensate di essere più furbi degli altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui in Italia ci sono solo due persone che difendono le cure alternative al cancro di Simoncini: Scillipoti e Massimo Mazzucco (luogocomune e disinformazione.it).
      Ma uno non vive in Italia (non si fa nemmeno trovare per la notifica di causa di INTERSOS) e l'altro è apparso molto più tardi, quando è stato portato in Parlamento.

      ma vergognatevi...

      Elimina
    2. Da aggiungere i due fratelli Marcianò, che pubblicizzano le cure di Simoncini ma poi quando il padre si è ammalato di tumore col cazzo che l'hanno curato come vogliono far curare gli altri.

      Perché gli altri possono morire come cani, ma i familiari vanno protetti.

      Elimina
    3. si ma la cosa che a me sembra più assurda, ed è molto comune fra i complottisti, è che loro credono a TUTTI i complotti, non hanno il minimo senso critico o lo mettono da parte; non riesco a capire il meccanismo mentale che c'è dietro, penso che sia simile a quello delle sette... non c'è uno psichiatra in questo blog :D??

      Elimina
    4. Qui non si cura con la psichiatria ma con il darwinismo.

      Elimina
    5. @siromonte
      personalmente, credo che i complottisti manchino di umiltà.
      Capita a tutti di farsi un'opinione sbagliata, tuttavia, errare è umano, perseverare è dabolico. Inoltre una delle leggi fondamentali dell'uomo moderno, è che l'homo sapiens riesce a farsi un'opinione su tutto, senza rendersi conto di quanto o quanto poco ne sa riguardo ad un argomento. In una società che si è sempre più specializzata come la nostra con tecnologia e divisione dei campi di conoscenza, è estremamente facile sbagliare a valutare una situazione, mentre internet accelera all'infinito quasi la possibilità di chiunque a poter esprimere un'opinione su qualunque cosa. Stupisce quindi che internet sia la patria di decine di teorie complottiste? no.

      Tuttavia qui in Italia la situazione è peggio che nel resto del mondo perchè sin dagli anni '70 la stampa legata alla politica ha sfruttato la disinformazione (uno dei motivi per cui io in genere mi informo all'estero) per scopi politici. Internet è solo un'immensa cassa di risonanza. Grillo è passato dal distruggere un pc nello spettacolo, all'adorare internet per la visibilità raggiunta, con uscite del tipo (era il periodo dello scandalo Parmalat) "in internet non puoi nasconderti, se dici una cazzata è subito pieno di utenti che nel blog ti danno addosso e ti dicono che hai sbagliato" (spero di aver citato le parole giuste). Ebbene questa conoscenza delle dinamiche di internet è piuttosto sbagliata per il semplice fatto che in internet esistono troll, disinformatori (e guarda caso uno come Favia è arrivato ai vertici del movimento), cazzari, gente che esprime opinioni seguendo la corrente non capendoci niente dell'argomento (es: anti-americanismi) o con una visione limitata. Nel passaggio a movimento politico, Grillo e M5S giustamente sostengono che la loro opinione con i numeri ed i voti vale (più delle firme del referendum sul parlamento pulito bloccate da anni...quindi in un certo senso sono anche costretti a muoversi per quanto hanno fatto che viene bloccato dalla politica tradizionale in parlamento), ed in effetti è così, la democrazia in Italia prevede l'elezioni le vincano chi ottiene più voti (in teoria ciò dovrebbe premiare meritocraticamente, in realtà in Italia abbiamo visto gente come Scillipoti finire in parlamento). Ma Grillo è convinto che solo perchè nel blog la gente esprime un'opinione, ciò gli permetta di stimare ciò che è vero o giusto, e l'esistenza dello scontro Debunker-Complottisti nel web ben indica quanto sia aleatoria la cosa (metti di essere su luogocomune). Da ciò nasce anche l'idea che Grillo/M5S un domani non saprebbe gestire la nazione, quanto meno meglio di quanto non facciano già oggi governi sorretti da gente come Scillipoti, seguace dell'Università Olistica.

      Elimina
  35. E' chiaro che sei di parte e che i tuoi post non siano parziali. Ho aspettato a lungo che pubblicassi i miei commenti. Non posso che dire la verità a tutti sul tuo blog, ovunque possa farlo, diffonderò la notizia. Ti lamenti che su youtube non ti facciano commentare o tolgano i tuoi commenti e hai fatto la stessa identica cosa. Questo non fa che convincermi ulteriormente che bisogna abbandonare un'Italia, che non c'è speranza con persone così. E' facile andare avanti quando persone di tale superfcialità:" grazie per queste info su grillo, ero troppo pigro per cercarmele da solo" oppure " questa è proprio una battaglia persa..mi domando dove trovi ancora la pazienza e l'educazione" quando forse io sono stata tra i pochi a cercare di argomentare senza offendere o comportarmi come tanti altri cafoni, cercando di badare a ciò che dico. Gente che parla di "battaglie perse" giusto per commentare qualcosa e che intanto dà per scontato che uno dei due, a scelta e senza aver verificato le info, le fonti, nulla di nulla, abbia ragione. Cosa aspettarsi da un blog evidentemente così di parte? Fessa io che mi sono anche sforzata di risponderti. Odia pure tutti, tu che non fai che parlare di sinistra e di destra e non hai rispetto per chi, anche 2000 anni fa, ha detto cose più intelligenti di te. Il problema della gente è che non si pone dubbi. Si sentono tutti "arrivati", quando la ricerca è impedita e le informazioni confuse. Io il mio dubbio e le mie ricerche sulle banche e sul signoraggio le ho fatte. Ora tocca a te porrti il dubbio nuovamente, se qualcuno ti contraddice e vedere di nuovo se tutto torna. Se altrimenti sei certo di ciò che sai, rimani pure nelle tue convinzioni. Ricorda però che le certezze sono cosa rara, anche per chi fa ricerche su ricerche. Ti lascio con una citazione, giusto perchè ti piacciono: Oggi la politica sostituisce tutto: teatro, pittura, letteratura. Li sostituisce per introdurre il regno del ciarpame e del kitsch: governi di intrighi, di arroganza, di cafoneria. Un potere che persegue un solo intento: l’imposizione molesta, insistente, a qualunque costo, di sé agli altri. Oggi in politica tutto tende al centro, al filone medio, al pragmatismo. Gli estremismi esistono ancora, ma non godono di una larga base sociale. Si rifanno di questa mancanza con l’aggressività, la rumorosità, la brutalità del linguaggio. (...) Oggi non esistono destra e sinistra: esistono solo persone dalla mentalità aperta, liberale, ricettiva, volta al futuro, e persone dalla mentalità chiusa, settaria, ristretta, volta al passato.
    (Ryszard Kapuscinski, “Lapidarium”, 1995)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Iniziamo a mettere i puntini sulle "i".

      Innanzitutto non ho pubblicato alcuni commenti (anche a favore delle argomentazioni e delle tesi che espongo) perché la piattaforma non me li ha segnalati per mail, me ne sono accorto solo adesso grazie alla sua segnalazione e li smisterò e risponderò (volendo) uno per uno. Quindi le sue conclusioni sono false e paranoiche.

      Sul signoraggio ho verificato, ed ho scoperto che è una bufala. Ci sono sette video sull'argomento dove spiego tutto punto per punto come nessuno MAI ha fatto, e come neanche i complottisti fanno. E rispondo a TUTTI coloro che mi pongono obiezioni, anche se campate per aria (sono le più facili da smentire). Se lei vuole parlare dell'argomento vada a commentare i video, qui parlo di Grillo e dell'assoluta mancanza di imbarazzo nell'imparare da noti fascisti, di sostenere tesi gradite anche all'estrema destra xenofoba e di tenere "in casa" personaggi di Forza Nuova. Se vuole parlare di questo sono qui, altrimenti se vuole sparare a caso questo non è il posto giusto.

      Elimina
  36. Ok. Grazie per la pazienza e mi spiace essere stata scortese. Non c'era bisogno di aggiungere quanto siano false e paranoiche le mie conclusioni, vista la spiegazione. Il fattore causa-conseguenza mi ha portato a dire ciò che ho detto, avendo aspettato più di una settimana per la publicazione dei miei commenti, così come il fattore causa-conseguenza l'ha portata a capire che qualcosa non andava nella sua piattaforma. Mi vedrò volentieri i suoi video sul signoraggio. I complottisti sono quelli che s'informano di meno e credono di più, sono contagiati come dalla religione cattolica. Quanto al campare per aria obiezioni, non sapevo che avesse problemi con la piattaforma, così come non lo sapeva neanche lei. Quanto al suo desiderio di nominare i fascisti almeno in ogni commento, penso possa interessarle questo. Avrà qualche sorpresa.

    http://www.aldogiannuli.it/2012/08/movimento-5-stelle-e-di-sinistra-o-di-destra/comment-page-2/#comment-49642

    Non so perchè, lei mi sa tanto di uno che se fosse un insegnante di una qualche materia al liceo e uno stutente/essa le sapesse anche solo vagamente di fascista (non ne parliamo più dei dichiarati), non esiterebbe a sfogare la sua rabbia contro i fascisti punendoli con voti bassi o compiti supplementari. Senza offesa. E' solo un parere personale, al di fuori di ogni discorso su Grillo e company, ecc.

    Mi pare che destra e sinistra, fascismo e comunismo o comunque li si voglia chiamare, siano stati spiegati in modo abbastanza essenziale nel link che le ho passato. A presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quell'articolo non tiene conto del pensiero di Casaleggio, che conosco dal punto di vista del marketing essendomene occupato ed avendo seguito le dirette web dei seminari annuali sul commercio elettronico (del quale mi occupavo).

      La sua idea è: "ci sono cose che devono accadere, ed è meglio trovarsi già da quella parte piuttosto che tentare di cambiare gli avvenimenti". Da "quella parte" ci sono la trasparenza, i temi ecologici e così via. Questi temi, solitamente ritenuti "di sinistra" ma ormai patrimonio praticamente di tutti, sono solo optional del movimento.

      Invece i temi non opzionali sono la cosiddetta "democrazia diretta" e le questioni come la cittadinanza, l'accoglienza degli stranieri, delle varie diversità e così via. Su questi temi Grillo in persona si è mostrato assolutamente refrattario, in linea con la destra più ottusa e becera.

      Invece sembra assolutamente tollerante alla presenza della destra ottusa e becera nel movimento ed al suo fianco.

      Sui temi economici Grillo ha dimostrato altrettanta ottusità, come ho razionalmente mostrato in varie riprese. Ed anche tra i suoi rappresentanti di spicco c'è profondissima ignoranza anche tra i sedicenti "esperti" (la Napoleoni, dichiaratasi consulente del movimento a Parma, ne è un esempio lampante). Lo stesso signoraggio non è esclusivamente di destra: è totalitarista in generale, tanto che quella teoria del complotto è abbracciata e propagandata anche da Ferrando.

      Riguardo la mia attività lavorativa, non sono un insegnante tranne che occasionalmente a livello aziendale, ed anche in quelle poche occasioni non ho mai considerato la tendenza politica degli alunni. Ho collaborato al lavoro con persone di estrema destra (quelli che vanno allo stadio a picchiare, tanto per essere chiari) e non ho mai avuto alcun problema: non dovevo votarle, dovevo solo lavorare bene per la riuscita dei progetti.

      Elimina
  37. La Napoleoni, quella che credeva che Zarqawi fosse un'invenzione degli americani e non sapeva nemmeno delle 3 condanne a morte in Giordania (per fatti avvenuti in Giordania) e delle testimonianze dei compagni di cella di Zarqawi precedenti al 2001, prima della sua fuga in Iraq.

    Tuttavia tolti di mezzo Grillo e M5S con le critiche, specie agli esponenti politici (Napoleoni da sempre vicina alla sinistra estrema comunista, Benetazzo FNuova + Santoro, ecc...), rimane sempre il substrato di politici indecenti del parlamento italiano (specie dei partiti di centro para-moderati o pare-moderati).

    Quindi si ripropone sempre il problema, a meno che qualche pseudo-debunker (i debunker che conosco io, evitano la politica ed in genere si basano sui fatti) non dimostri come false questo elenco di sentenze di tribunale: http://www.youtube.com/watch?v=uo4HBCKdQB0 (il video comunque dimentica alcuni scandali, come per esempio i fondi pubblici di partito per la casa di Di Pietro...)
    Secondo me è questo il problema.
    Fa più male un complottista negli M5S (alla Favia per esempio), uno Scillipoti (ovvero un complottista sostenitore dell'università olistica, insieme di tutte le scemenze antiscientifiche umanamente producibili) che passa al Gruppo Misto perchè illecitamente pagato per sostenere il governo, od una massa di truffatori mafiosi nei partiti politici in parlamento e senato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io quella storia dei debunkers che dicono di non occuparsi di politica non la capisco. Sinceramente. Un conto è scegliere in un articolo di parlare solo di fatti, il che è una scelta lecita come la mia di esporre comunque le mie opinioni anche politiche ma separandole dai fatti che discuto comunque.
      Un altro conto è affermare che non ci si occupa di politica. E' impossibile non occuparsi di politica per un normodotato.

      Capisco che evitare l'apparentamento politico sia anche un modo per evitare discussioni del tipo "ma tu dici così perché tieni per quell'altro", ma così si contribuisce a crescere una generazione di scientisti tecnocrati.

      Che poi la classe politica italiana soffra di mali oscuri ed antichi è sotto gli occhi di tutti, ma qui mi occupo di Grillo. Degli altri si occupa già Grillo.

      E se lui (che è un comico) può occuparsi di tutto, io (che un po' ho studiato) posso occuparmi di Grillo. E di politica, religione, ecc. ecc.

      Elimina
    2. in effetti credo che sia piuttosto difficile per i debunker non ridere in faccia... opps non commentare politicamente le interrogazioni su scie chimiche (ambientalisti), sul signoraggio (Marra PDL-Forza italia) e sugli omini verdi (Borghezio europarlamento).

      ben inteso: anno domini prima dell'avvento Grillo.... con M5S, Favia (HAARP e fracking) e Grillo in parlamento la situazione rimarrebbe invariata riguardo alle interrogazioni parlamentari sui complotti più assurdi.


      Credo che il problema sia la cultura italiana. Travaglio e Grillo credono che i giornali siano militanti per la politica perchè ricevono sovvenzioni pubbliche che garantiscono indescrivibili stipendi mensili (anche a cinque zeri). Non si rendono conto che anche i lettori sono militanti politici che minacciano di non rinnovare l'abbonamento se non ottengono la conferma alla loro idea politica con articoli di puro opinionismo politico. Quindi la Subcultura dell'informazione italiana, pur variegata in una notevole quantità di partiti e testate giornalistiche pronte a sformare opinionismo in comodi articoli di idee preconfezionate è indipendente dal fatto che i giornalisti siano pagati direttamente dal personaggio politico (basti guardare giulietto chiesa, quando non si candida in Lettonia, scrive articoli filo-comunisti seppur in pensione, togliendo spazio ai giovani).
      Quindi i debunker che nascono come sbufalatori di magie e paranormale (la realtà è una e non varia a seconda dell'opinione dei lettori), credo non sentano minimamente il bisogno di replicare questo o quell'opinionismo della stampa.
      Diverso è il caso del Fatto Quotidiano. Aperto con un indirizzo che diceva "basarsi sui fatti", sembrava un elemento di assoluta novità nel mondo dell'informazione... meno di un anno e sono semplicemente diventati diversamente uguali agli altri. Corretti quando criticano gli altri, tramaccioni ed ingannevoli quando parlano di M5S e Grillo (esattamente come il Giornale per Mr.B, o repubblica per il PD, o in Mezz'ora per rifondazione comunista, ecc...). Il punto di svolta è all'incirca a cavallo dell'intervista leccaculo di Travaglio a Grillo, senza per esempio nessuna domanda sul suo complottismo o sull'ordinamento interno al partito.
      Questo cambiamento si è viso anche nei commenti al FQ, con un aumento spropositato di account bot di "lode ed osanna a Grillo" e ban, come documentato da "il pacco quotidiano". Fra i pluribannati perchè esprimevo liberamente le mie opinioni ci sono anch'io (va detto che anche altri giornali mi hanno bannato account per commenti scomodi).

      Elimina
  38. Se grillo e i suoi "adepti" volevano fare qualcosa di diverso al posto di un "NON-partito" con un "NON-statuto" , che peraltro ritengo specchietti per le allodole e uno sterile esercizio di retorica quando la sostanza sarà la medesima, costituivano un movimento di opinione e di riflessione popolare con vere proposte di democrazia diretta e non demagogia urlata. Questo articolo e relative fonti andrebbero stampati in manifesti 4x4 metri...ma penso che nemmeno davanti alle fonti verificate le menti ottenebrate dei grillini potrebbero usare un pò di senso critico...se mai ne hanno avuto.

    RispondiElimina
  39. Prima di commentare l'interessante articolo, faccio una brevissima premessa: non sono un fan di Grillo. Grillo non mi è mai piaciuto, nemmeno quando faceva il comico e prendeva in giro Craxi. Adesso che la politica è diventata una comica, tutto torna... Detto questo, credo sia alquanto fuorviante affibbiare un'etichetta (fascista, comunista, ecc.)ad una persona che non ha mai abbracciato un'ideologia. Questo vale per Grillo, ma valeva pure per tutti coloro che sono stati presi di mira dal "cavaliere" ed etichettati come comunisti sol perchè gli hanno "rotto le uova nel paniere". Essere "fascista" (o comunista, o liberista) implica qualcosa in più che gridare allo sfascio o mostrare cappio e nodo scorsoio...
    Ritengo che ad una persona attenta alle parole come LeFou, una cosa del genere non sia sfuggita. Inoltre, le cose che ha detto circa l'incidente accaduto a Grillo erano già state evidenziate da "il Giornale" tempo addietro, proprio per sputtanarlo. Infatti, si può essere infatti anche condannati ingiustamente...oppure per reati assai diversi (per gravità) fra loro. Discorso diverso deve essere fatto per Giacinto Auriti, il quale aveva proposto una sua teoria sulla moneta (in contrasto con la vulgata economica). Auriti afferma chiaramente che "essere fascista è poco" non perchè si dichiari (che ne so) "nazionalsocialista", ma perchè il fascismo era inferiore culturalmente ad un banchiere centrale (lord Bennet). Quest'ultimo infatti avrebbe dichiarato ad Ezra Pound che: "abbiamo impiegato venti anni per battere Napoleone, e ne basteranno cinque per battere il fascismo". Con questa affermazione Lord Bennet aveva decretato la sua superiorità culturale sul fascismo; quindi per Auriti essere fascista significava essere inferiore ad un Banchiere Centrale.
    Ps. Perchè non fai un post sulla falsa riga di "EconoLiberal" sulla presunta superiorità del Regno delle Due Sicilie rispetto al resto d'Italia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Il titolo del post non è «Grillo è fascista» ma «Il fascismo di Grillo», che è un po' diverso. Se Grillo sostiene e propaganda idee fasciste non è detto che lo sia (anche se è ciò che penso personalmente), ma politicamente non rende distinguibile il suo movimento da un altro movimento di ultradestra. Se le tesi sono quelle ed in politica valgono le tesi, ci si può scannare sulle definizioni ma la ciccia è quella.

      - L'episodio dell'incidente non è stato buttato lì a caso. Ho spiegato perché ha senso: perché Grillo ha usato la stessa argomentazione contro Maroni (e la usa contro tutti, rifiutando ogni «pregiudicato» a prescindere dal reato).

      - Riguardo Auriti, la sua appartenenza al fascismo è stata spiegata e documentata, nonché arricchita da una pregevole testimonianza.

      Elimina
  40. Non vorrei apparire pedante ma l'equazione estrema destra = fascismo risulta errata. Non esporrò - qui, per brevità - tutte le ragioni che mi portano ad una tale affermazione. Chi fosse interessato all'argomento può leggersi un interessante trattato a cura del noto politologo italiano, Marco Tarchi: "Fascismo, Teorie, interpretazioni e modelli". Inoltre, nessuno più di Auriti può decretare la sua appartenenza. Auriti si dichiarava Cattolico, tanto è vero che nell'esposizione della sua teoria chiamava in causa proprio la Dottrina sociale della Chiesa, non i punti del Manifesto di Verona o, che ne so, l'idealismo gentiliano. A tal proposito vi sono anche delle dichiarazioni di solidarietà dell'allora cardinale Ratzinger con quanto andava esponendo il Prof. dell'Università di Teramo.
    Cordialmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che Auriti fosse un fascista è palese, come ho dimostrato documentalmente. Che fosse d'accordo con la visione di Ratzinger è naturale (e qui lascio all'intelligenza del lettore intuire il mio pensiero a riguardo). E l'uso strumentale della dottrina sociale della Chiesa è da ignoranti, strumentale ed ipocrita proprio per le parole di Gesù stesso. Richiamo la parabola dei talenti, monete del tempo: l'esempio negativo era colui che le conservava, l'esempio positivo era colui che li investiva).

      E distinguere fascismo da ultradestra è come Guzzanti che in «Aniene 2» distingue i gay dagli omosessuali. Sono sinonimi.

      Elimina
  41. Tra l'altro per arricchire il post ed i commenti, segnalo questi due video. Non bisogna dimenticare i complottisti (Grillo) del complottista (Grillo).
    Secondo Barnard (filo anarchico secondo me con tendenze nazional-socialiste) Travaglio e Grillo sono gatekeeper (infiltrati?!), ovvero degli infiltrati del sistema apparentemente contro il sistema, con il solo scopo di depistare il malcontento ed il pensiero della popolazione dai temi scottanti che andrebbero cambiati dal popolo.
    http://youtu.be/4kiLjrH79ek
    http://youtu.be/P_ne5bfDCwY

    Trova adepti nell'ambientalismo estremo, nei seguaci di freedom flotilla (anti-israele/sionisti), nei movimenti anarcoidi/centri sociali (internauti che prima navigavano in indymedia) e nei seguaci del signoraggio bancario più radicale, ecc.
    Tuttavia, essendo i meetup aperti, per un certo periodo (il periodo dei vday) questa gente è confluita nei meetup dal fallimento di indymedia.

    bbye

    RispondiElimina
  42. E tutta una bufala..? Anche quella dell' 11 settembre 2001..?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che c'entra con Grillo? Qui si risponde all'argomento, non si cambia tema per evitare di parlare dei fatti.

      Elimina
  43. A proposito dell'autorevole Antonio Baldassarre, alla fine dell'intervento già citato, dice una cosa interessante: "L'uomo più potente d'Italia non è Berlusconi ma un banchiere... e poi, pur sottolineando il fatto che la Banca d'Italia è un istituto di diritto pubblico, asserisce che la nomina del governatore viene fatta - al di là delle forme giuridiche - lasciando presagire una influenza delle banche nella nomina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I Governatori sono tutti di nomina politica, tanto che Ciampi è diventato anche Presidente del Consiglio e poi della Repubblica, e l'ultimo è stato nominato dopo infinite trattative tra i politici di ogni ordine e grado.

      Elimina
    2. Forse non mi sono spiegato bene e me ne scuso...
      Baldassarre non mette in discussione la forma (nomina politica), ma l'influenza esercitata dalle banche nelle nomine politiche.

      Elimina
    3. Le banche comunque formano lobbies e sono soggetti che possono influenzare sia le scelte politiche che le nomine. Questo accade anche con le aziende: la FIAT ha condizionato per decenni la politica industriale italiana. Abbiamo altri casi come Cirio, i rapporti della Banca di Roma che concedeva crediti inesigibili a soggetti discutibili ecc.
      Ma questo avveniva soprattutto in passato, quando la politica poteva ripagare per vie traverse con finanziamenti pubblici che adesso sono vietati. Adesso, come si vede nel caso FIAT e nel caso della stessa MPS, lo Stato non interviene nelle dinamiche aziendali e, dunque, il potere di condizionamento delle realtà private è molto inferiore.

      Elimina
    4. No pierluigi hai capito male dato che la nomina del governatore deve avere un parere del consiglio superiore i saba e i della luna stavano facendo baccano tra il pubblico dicendo che deve avere il loro assenso. Baldassarre ha inteso l'opposto invece che alla fine c'è una persona (il presidente del consiglio) che prende di fatto la decisione il resto sono stupidate.

      Elimina
  44. Se si fa prima della discussione è ancora peggio. Il Parlamento si occupa di migliaia di leggi alla volta, ma la maggior parte di esse neanche raggiungono la discussione in aula (non dico l'approvazione).

    (Riprendo qui, perché ormai è "troppo in alto" e mi perdo ogni volta ;-))

    Non vedo il problema: anzi, a me interesserebbe parecchio, per motivi lavorativi, avere il testo di una legge prima che venga discussa in Parlamento,anche perché si eviterebbe di discutere ventilando ipotesi su un qualcosa di sconosciuto. L'esempio recente delle ssrl è calzante, direi.
    Se si vogliono togliere i troll, basta abilitare i commenti ai soli indirizzi mail certificati e si ridurrebbe il problema (o Grillo vuole fare referendum in rete senza alcun controllo?).

    Poi per onestà ammetto che tale mia radiosa ipotesi s'è scontrata in passato coll'inattività delle parti in causa, e la riforma del diritto societario (dove era tutto cartaceo) è esempio altrettanto calzante.



    RispondiElimina
  45. Complimenti per il post perché suscita il dubbio, e il dubbio è il seme della verità. Mi chiedo come mai ilfattoquotidiano parteggia, anche se in modo non troppo esplicito, per Grillo: sono fascisti anche loro? Non mi sembrano tali. E poi, questo Benetazzo è stato invitato anche da un professionista stimato come Santoro ad esprimere le sue tesi economiche: se fosse un cialtrone non se ne sarebbero accorti? E cosa pensa di Messora (byoblu), è un altro 'delfino' di Grillo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi sul Fatto Quotidiano c'era un articolo abbastanza obiettivo su Grillo e sulla assenza della solita folla oceanica (che invece Grillo sosteneva e ByoBlu ha cercato di "fabbricare" con una foto su Twitter presa da posizione ed angolazione che dava l'illusione della folla che non c'era). Altre volte si è schierato a suo favore anche quando era indifendibile. Immagino che non abbiano una linea editoriale sull'argomento ed ognuno si comporta come gli pare. Però è strano che, sempre intenti a verificare ogni fatto anche minimo, non si siano curati di questi aspetti che ho messo in rilievo e che qualunque giornalista avrebbe potuto appurare.

      Santoro ha fatto partecipare molti personaggio «fuori dal coro», e mi pare di ricordare che trattò abbastanza male lo stesso Benetazzo.

      Su Messora c'è poco da pensare. Mi ha bloccato sul suo canale (senza scriverlo) quando gli ho fatto presente che la sua tiritera sulla Banca d'Italia privata non aveva fondamento oggettivo. È ovvio che mente sapendo di mentire, poi critica la televisione ma adesso è opinionista a «L'Ultima Parola» in uno dei programmi più faziosi della RAI.
      L'unica cosa della quale si può vantare è di avere un tablet.

      Elimina
    2. Non è strano il fatto quotidiano su grillo non può essere obbiettivo. Non è nato dal nulla è stato formato a seguito della pubblicità di travaglio su passaparola la rubrica che travaglio teneva grazie a beppe grillo, è da li che è partito sul fatto quotidiano quando ancora era in fase ancor prima di uscire nelle edicole. Grillo non è l'editore del fatto ma il fatto deve a lui molta riconoscenza e gratitudine e questo ha un peso.

      Elimina
  46. Salve LeFou,
    post interessante come sempre.

    Per quanto riguarda l'incidente di Grillo, secondo Wikipedia lui non ha investito padre, madre e figlio uccidendoli.
    In realtà si trovava nel suo fuoristrada con padre, madre e bambino deceduti, più un altro passeggero. Ad un certo punto ha perso il controllo ed è uscito di strada. Lui e un passeggero si sono salvati, gli altri tre no.


    http://it.wikipedia.org/wiki/Beppe_Grillo#L.27incidente_di_Limone_Piemonte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di avermelo ricordato, ero in animo di modificarlo ed ho colto l'occasione per farlo. La sostanza non cambia.

      Elimina
  47. Tra le ispirazioni del Magnifico Solimano aggiungerei http://postideologico.wordpress.com/2012/09/05/quale-politica-estera-mr-grillo/

    RispondiElimina
  48. Tra le ispirazioni del Magnifico Solimano segnalerei anche queste:
    http://postideologico.wordpress.com/2012/09/05/quale-politica-estera-mr-grillo/

    Una piccola annotazione sui frame che scorrono a margine del blob-blog di Grillo e veicolano notizie non si capisce bene con quale criterio: sono ripresi da tzetze.it, la mosca cieca e perniciosa, della Casaleggio Associati.

    RispondiElimina
  49. Visto che sei tanto attento alla precisione delle informazioni, ti segnalo:

    1) Grillo non fece l'incidente con un SUV ma con un fuoristrada: non è che cambi molto tra i due tipi di vetture, non c'è dubbio, ma sii preciso se pretendi precisione dagli altri

    2) Come hai detto tu gli incidenti capitano e non c'entrano con la politica: un incidente è involontario, mentre associazione a delinquere, furto di denaro pubblico ecc (i reati dei politici) non lo sono!!!

    3)Grillo ha dichiarato che non è candidabile, e non si candiderà a cariche pubbliche: per questo motivo non può essere neanche il punto di riferimento di un movimento???
    "Un po' come se qualcuno, condannato per resistenza ad un pubblico ufficiale per aver morso il polpaccio di un poliziotto, diventasse Ministro degli Interni e quindi della Polizia.": non hai capito, Grillo NON si candida e non lo farà anche perchè altrimenti distruggerebbe il movimento (così come ha fatto Bossi che gridava agli scandali di roma ladrona e poi il figlio prendeva i soldi del partito), e il paragone che hai fatto non è corretto perchè il ministro è una carica pubblica. Se lo "guida" (a patto che si possa dire così perchè non c'è alcuna prova del fatto che lui scelga le nomine).

    4) Non specifichi quali sono i criteri secondo cui ritieni che una fonte sia affidabile: se quello là che ha detto che grillo aveva preso 10 milioni in nero non si fosse smentito e scusato con lo stesso pochi giorni dopo avresti scritto di sicuro "grillo ha preso 10 milioni in nero! ".

    5) Ma voi del PD cosa avete da dire fascista fascista! avete paura? oppure, come credo io, temete grillo e quindi non avendo argomenti gli affibiate questa etichetta? Il fascismo è stato un fenomeno (non del tutto negativo per altro) unico, con delle forme proprie, date anche dal contesto dell'epoca. Non si può dare così grossolanamente e superficialmente un etichetta.

    5) Non c'è prova che ti abbia cancellato un commento.

    6) Ti attacchi alla figura di grillo come se fosse lui il M5S: NO! lui è il fondatore e la figura di spicco, ma il lavoro lo fanno tutti gli appartenenti al movimento che lavorano nelle cariche pubbliche e non solo.

    7) La democrazie indiretta rappresentativa è un congegno messo a punti dai politici PER FARE I LORO COMODI!! ma possibile che non l'hai capito? ai politici non gliene frega un cazzo del ritorno del fascismo, loro vogliono mantenere la loro poltrona pagata profumatamente: democrazia indiretta significa che i cittadini non possono decidere autonomamente per esempio se abbassare gli stipendi dei parlamentari!!!! dai ma è palese!!

    8) secondo te è meglio avere politici inetti che una dittatura? hai visto coi politici inetti dove siam finiti negli ultimi 10 anni? c'è della gente che si suicida per la crisi!

    "Affidereste nelle mani di quest'uomo la politica estera dell'Italia? O le pari opportunità?":ancora una volta, NON hai capito: Grillo non si candidaaaaaaaa!!!!!!! non può decidere nienteeeeee!!!!
    Tu hai bisogno di affidare qualcosa a qualcuno! voi veramente che sia una persona sola a decidere per te e per gli altri?: questa è paura, PAURA DI CAMBIARE.

    9) All'inizio dici che non vuoi dare del fascista a grillo poi 3/4 del tuo testo sono "argomenti" a supporto di questa tesi...

    10) Tu che temi il fascismo: Mussolini ha fatto molto di più di quel senzapalle di bersani che tu andrai a votare.

    io penso che quelli che criticano questo movimento, hanno paura, paura di cambiare. D'altra parte questa paura è connaturata all'essere umano. Comprensibile ma non giustificabile. Oppure preferisci che le cose rimangano così come sono?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1) Stai trollando. Chevrolet K5 Blazer. È un supergippone da 100 cavalli. Meglio?

      2) Stai trollando. Il raffronto era con Maroni e le vicende sono sovrapponibili.

      3) Stai trollando. Non si può candidare come pregiudicato secondo le sue stesse regole, ma nello statuto c'è scritto che tutto avviene in beppegrillo.it un po' come sostenere che una persona non è mafiosa anche se vive in casa di un mafioso.

      4) Stai trollando. Chi chiede trasparenza deve offrire trasparenza, altrimenti autorizza chiunque a pensare qualunque cosa, come fa lui verso tutti.

      5) Stai trollando. Io non sono del PD (ma potrei esserlo, non c'entra NIENTE) e per sostenere degli accostamenti porto dei fatti che tu non discuti aggrappandoti ad altro.

      5) C'è prova eccome. Se sono bloccato ma il mio commento non c'è, evidentemente me l'ha cancellato.

      6) Stai trollando. Non ho detto che è lui, anche se tutto avviene nel suo sito e per mezzo di lui tutto il Movimento fu creato.

      7) Stai trollando. Invece di rispondere, inventi di sana pianta un complotto dei politici che dal 1948 avrebbero messo in piedi tutto un meccanismo per impedire al popolo di decidere. Vedo che Grillo ha fatto scuola. Dai che arrivi anche al signoraggio e alle scie chimiche.

      8) I suicidi sono inferiori alla Germania e superiori alla Grecia. Secondo il tuo ragionamento dovremmo diventare ancora più poveri per evitare i suicidi.

      8 bis) Aridajie. Grillo comanda, e si è visto con Tavolazzi & Favia.

      9) Non è colpa mia se Grillo si accosta a certi ambienti e propone tesi a loro favorevoli. Del resto il titolo è molto chiaro e preciso. Se non ti sta bene, mi spiace ma è la libertà di informazione.

      10) Trollando bla bla Mussolini bravo PD cattivo bla bla.

      11) Pensa quello che ti pare e vai allegramente verso la distruzione. Ognuno può decidere di fare ciò che vuole di se stesso, basta che non lo imponga al prossimo.

      Elimina
  50. lefou questa volta non sono d'accordo con te... che centra grillo? io voto il movimento non grillo.. ma anche se lo votassi,per assurdo, le cose che dice non sono sbagliate.. ho preso il programma elettorale m5s e NON è INATTUABILE sono tutte cose a mio parere giuste e sfido a CHIUNQUE LEGGA QUESTE PAROLE DI CONTRADDIRMI SE IL PROGRAMMA è UNA CASTRONATA, ho letto anche quello del pd, vogliono svendere l'italia per coprire il debito.. ma stanno male? il programma di Sel sono una massa di parole al vento, non c'è nulla di concreto non ci sono soluzioni ne risposte solo buoni propositi.. i buoni propositi se li può mettere in culo Vendola che magari gli piace pure, chi è rimasto UDC? a si loro oltre a svendere l'italia vogliono affidare tutti i servizi alle multinazionali, continuare le grandi opere come in val disusa.. e in fine PDL hahaha qua mi faccio una grossa risata...
    Quindi alle prossime elezioni che faccio brucio la tessera elettorale? dare fiducia ogni tanto premia e magari questa è la volta buona..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È fuori tema rispetto a quello che ho scritto, perché la tua non è una contestazione nel merito delle mie affermazioni che quindi rimangono valide. Ma replico volentieri, non sono un asettico debunker che finge di essere fuori dalla realtà.
      Tu critichi il programma del PD in quanto offre una soluzione suicida al problema del debito italiano. Libera opinione, anche se non credo che quel programma sia stato scritto dal primo che passava per strada o da un Grillo che dice che l'Islanda ha risolto i suoi problemi non pagando il debito, o dalla Napoleoni che dice che l'Islanda è uscita dall'euro (quando non c'è ed ha chiesto di entrarci).
      Però almeno responsabilmente il PD come partito di governo offre una soluzione al problema.
      In quale punto del programma del M5S si offre la soluzione per risolvere il problema del debito italiano? Questo:

      «Riduzione del debito pubblico con forti interventi sui costi dello Stato con il taglio degli sprechi e con l’introduzione di nuove tecnologie per consentire al cittadino l’accesso alle informazioni e ai servizi senza bisogno di intermediari»

      «Tagliare gli sprechi» buttata così non significa niente. Anche Monti ha tagliato un po' di sprechi, e non mi pare che Grillo abbia gioito. Il PD dice che vende il patrimonio pubblico: un patrimonio inutilizzato è un spreco. È quello che c'è scritto nel programma del M5S. Perché se lo scrive Grillo è attuabile ma se lo scrive il PD «stanno male»?

      L'informatizzazione della P.A.? Benissimo. L'informatizzazione dei servizi porta effettivamente alla riduzione dei costi, infatti la P.A. è cambiata tantissimo grazie ai provvedimenti proprio della sinistra: sportello unico, integrazione ed infrastrutture di comunicazione tra i vari uffici ecc.

      Ma i costi che vengono tagliati sono solo di un tipo: quelli del personale. Leggere come: licenziamento degli impiegati statali. E se l'avesse fatto Monti ecc. ecc.

      Infine (e chiudo) il debito pubblico è composto da migliaia di voci. Cavarsela con due righe è da sciatti qualunquisti. Potrà anche star bene alla massa ed affascinare, ma non è sufficiente.

      Elimina
  51. un patrimonio inutilizzato si cerca di utilizzarlo e farlo fruttare che dici? la risposta non è regalare il made in italy.. Anche l'idea di convergere tante menti sul web e cercare una soluzione è un'alternativa alla svendita del paese.
    Dato che siamo nell'argomento debito.. l'ecquador il debito ha deciso di non pagarlo perchè lo riteneva immondo, ha vinto anche la causa contro gli stati uniti che hanno creato il precedente in iraq..
    Ultima cosa mi puoi linkare un articolo in cui l'islanda dice di pagare il debito? secondo wikipedia nell'aprile 2011 si è tenuto un referendum in cui si è appunto deciso di non pagarlo.. Finisce con: Entrambe le nazioni hanno intentato causa (senza fonte)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ti ho fatto presente che Grillo non dice NIENTE. Sul programma ci sono due righe, così puoi credere quello che vuoi. E quando un programma va bene a tutti, significa che è un programma che non esiste. Come le sostanze omeopatiche: se non hanno controindicazioni, allora non hanno effetti.

      L'Ecuador: altra falsità di Grillo. L'Ecuador di Correa ha dichiarato il proprio debito non «immondo» bensì «detestabile». Cioè ha annunciato che non avrebbe pagato il debito in quanto era stato il frutto di accordi scellerati dei politici precedenti con soggetti di varia natura, e dunque poteva «detestarlo» ovvero non riconoscerlo. Non è una situazione paragonabile a quella italiana dove il debito pubblico è stato prodotto da politiche di sperpero che andavano bene a tutti (tanto che adesso tutti si lamentano dei tagli alla spesa pubblica).
      L'operazione non ha portato gravi problemi ai creditori sia per le dimensioni economiche limitatissime (meno di un decimo dell'Italia) sia per il fatto che l'Ecuador si è impegnato a pagare tutto il debito che avrebbe contratto successivamente. E quindi tutti hanno continuato a comprare i titoli dell'Ecuador.

      Sull'Islanda non ho scritto un articolo ma ho girato un video con tanto di prova verificabile: http://www.youtube.com/watch?v=sEeDS_cj3j8 In questo caso le ultime sparate di Grillo sono completamente inventate da capo a piedi. Quando ho sentito che secondo lui in Islanda «sono arrivate tre banche straniere» (che invece erano islandesi al 100%) sono sbiancato... Se uno ha ragione, perché deve raccontare bugie a tutto spiano? Puoi rispondermi?

      Elimina
  52. aspetta un attimo
    Ma gli islandesi si sono rifiutati quindi di pagare 4 miliardi di debito, che poi li abbia pagati la banca cmq loro si sono opposti.. su questo non è stato chiaro.
    Sul programma elettorale di grillo lui ha affermato di non avere risposte non ha detto di farlo sparire magicamente, al contrario degli altri però vuole che sia il popolo italiano a deciderlo (come dovrebbe essere)
    11 miliardi di euro non pagati.. non si potrà paragonare all'italia ma per un paese come quello sono cmq tanti..
    Ultima cosa "Non è una situazione paragonabile a quella italiana dove il debito pubblico è stato prodotto da politiche di sperpero che andavano bene a tutti (tanto che adesso tutti si lamentano dei tagli alla spesa pubblica)" le politiche di sperpero andavano bene a tutti? a me non andavano bene e suppongo nemmeno a te.. i politici non li ho scelti io li hanno scelti i partiti con il porcellum quindi io non sono d'accordo.. e NON voglio pagare un debito contratto da dei politici ladri, se poi mi toccherà pagarlo cmq staremo a vedere.
    La gente si lamenta dei tagli alla spesa pubblica? ma vivi in italia? la gente si lamenta perchè si sn fatti tagli solo alle tasche dei poveracci e per l'inefficenza politica (oltre al fatto di tutti i soldi rubati, ovviamente non dimostrabile ma implicito nel sistema politico).
    Penso che se sia nato un m5s la colpa sia proprio dei partiti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Si sono opposti alla copertura del pagamento di quel singolo debito di quella singola banca tramite il denaro dello Stato (referendum senza senso, essendo la banca nazionalizzata lo Stato ne assume tutti i debiti). Siccome adesso il debito se lo paga la banca da sola, il debito si può pagare.
      - Se Grillo non ha risposte deve tacere, non può sparare cento suggestioni mentendo come un cane ed illudendo la gente che possa esistere una strada facile per risolvere situazioni complesse.
      - Il debito pubblico è il risultato di decenni, ti stai attaccando al «Porcellum» che è recentissimo (e che tra l'altro è in vigore da quando il debito si è stabilizzato, quindi è un argomento che si ritorce contro). Lo sperpero riguarda anche milioni di impiegati statali assunti per clientelarismo, servizi superflui e troppo onerosi per la collettività ai quali adesso nessuno vuole rinunciare, eccetera. Solo chi è convinto di non governare come Grillo ed i grillini può sostenere che è possibile continuare ad avere una spesa statale così alta senza intaccare nessun servizio ai cittadini.
      Del resto è evidente come l'IMU, una patrimoniale federale che colpisce in proporzione al villone che possiedi e non in base al reddito che puoi occultare, sia stato contestato solo dai populisti M5S e Lega Nord. A chiacchiere siamo tutti bravi, ma quando c'è da prendere una decisione allora i nodi vengono al pettine.
      Faccio un esempio pratico. A Parma non hanno a che fare con problemi complessi quanto lo Stato, hanno un debito ed hanno il problema del termovalorizzatore. Pizzarotti ha vinto promettendo il NO (e basta) al termovalorizzatore, ma il giorno dopo ha iniziato ad aggiungere i «se» ed i «ma». Adesso cosa faranno? Rinunceranno al termovalorizzatore? O aumenteranno il debito beccandosi la penale e pagando per mandare rifiuti all'estero? E se bruciarli fa male, perché vogliamo far male all'estero? Non viviamo sullo stesso pianeta?
      Ecco un esempio pratico di come sia facile chiacchierare in modo massimalista per poi sbattere il muso contro il muro quando si ha a che fare con la realtà.

      Elimina
  53. io ho 23 anni ho votato solo in una legislatura quindi tutto quel debito non me lo sento mio.. perchè devo pagare i debiti contratti dagli altri? perchè non posso nascere come cittadino libero? hai azzeccato tutto tranne le affermazioni su grillo, per non parlare di pizzarotti.. sicuro al 100% ti sarai visto i consigli comunali in streaming per parlare così..
    Se non ti dispiace vorrei un tuo parere sul programma 5 stelle a parte il punto sul debito (grillo nn ha mai detto che sarà facile risolvere il problema, ansi) tutto il resto è inattuabile? non so guardando obbiettivamente tutti gli altri mi sembra il più logico e quello che da più soluzioni compreso creare posti di lavoro..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. «io ho 23 anni ho votato solo in una legislatura quindi tutto quel debito non me lo sento mio.. perchè devo pagare i debiti contratti dagli altri?»
      Perché sono i debiti contratti dalle generazioni precedenti, e perché se noi non paghiamo il debito contratto nessuno ci finanzierà più facendo crollare la capacità di spesa dello Stato tanto da farti rimpiangere cento Monti insieme.

      «hai azzeccato tutto tranne le affermazioni su grillo, per non parlare di pizzarotti.. sicuro al 100% ti sarai visto i consigli comunali in streaming per parlare così..»
      Io guardo i fatti. Pizzarotti si è rimangiato tutta la spavalderia sul termovalorizzatore il giorno dopo l'elezione, e finora gli unici che hanno agito sono stati i giudici. Tante chiacchiere, zero fatti.

      «Se non ti dispiace vorrei un tuo parere sul programma 5 stelle a parte il punto sul debito (grillo nn ha mai detto che sarà facile risolvere il problema, ansi)»
      Se il punto sul debito è di difficile realizzazione, va detto esplicitamente, e non bisogna raccontare le cazzate alla gente.

      «tutto il resto è inattuabile? non so guardando obbiettivamente tutti gli altri mi sembra il più logico e quello che da più soluzioni compreso creare posti di lavoro..»
      A parte le solite chiacchiere generiche, i punti più pericolosi sono quelli che riguardano la cosiddetta «democrazia diretta», che è il vero fine subdolo del fascismo grillino. Ad esempio, i referendum anche propositivi e senza quorum sono di una pericolosità estrema. Il fatto che dopo il fascismo siano stati limitati a quelli abrogativi (tranne sulle modifiche costituzionali) e che debbano avere il quorum del 50% non è stato deciso a caso. E non è per caso che Grillo vuole abolire quei limiti.

      Elimina
  54. nessuno ci finanzierà più? ora invece siamo affidabilissimi lol con questo governo poi...

    pizzarotti non si è rimangiato proprio nulla con un comune sommerso da tutti quei debiti ha fatto il culo a tutto il consiglio comunale (a voce ovviamente) considera che ha 5 anni a disposizione dopo si potrà parlare, ed anche allora se avrà diminuito anche di poco il debito SARà SEMPRE ORO CHE COLA perchè la precedente amministrazione magnava e basta

    per quanto riguarda il debito grillo lo ha detto esplicitamente che non sarà facile e ci dobbiamo fare un culo enorme e tanti sacrifici, il contrario semmai lo hanno detto i politici attuali: "siamo alla fine del tunnel"

    solite chiacchiere generiche? incentivare le imprese che ti fanno ottenere una classe energetica superiore ti crea lavoro e fa diminuire il consumo di energia e quindi risparmiare.. sarà generico ma è una soluzione che nei programmi degli altri non ho visto..
    cmq ti ripeto la gente non vota m5s perchè hanno promesso qualcosa, ma per le esigenze di legalità..
    Se trovi un partito che non ha commesso porcate lo voterò ASD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli incentivi ecologici non li ha inventati Grillo. Lui stesso sbandierava negli spettacoli i vantaggi del conto energia, adesso la produzione di solare è così elevata che l'energia costa di più la notte perché devono accendere appositamente delle centrali. Questo lo dice? No, perché deve dipingere l'Italia come il paese che non incentiva il risparmio energatico e che è legato ancora al petrolio ed al nucleare bla bla bla. Se non erro (non sono un geometra né sono aggiornato) sono anche cambiate le norme edilizie, e le case di nuova costruzione devono avere il rivestimento isolante. Tra l'altro siccome sto cercando casa sono andato a vedere una casa nuova ed era rivestita.
      Queste sono cose fatte dalla "vecchia politica". Quale sarebbe l'incredibile cambiamento che porterebbe Grillo?

      Elimina
  55. è scocciante parlare con te.. sottolinei sempre il punto sbagliato.. che centra che nn li ha inventati lui? ma secondo te penso che grillo sia il guru?
    cerca carbone tra presente e futuru dell'eni e fatti due risate..
    si vogliono convertire le centrali da olio a carbone perchè costa meno, aumenteranno le emissioni di co2 e pagheremo le penali dell'UE
    "ed io pagooo" cit totò

    RispondiElimina
  56. http://economia.panorama.it/I-fratelli-coltelli-Enel-ed-Eni-nella-lunga-guerra-del-carbone

    sono le prime cose che si trovano, come al solito il caro buon bersani cosa sostiene? cattivo grillo sempre il solito rompi coglioni

    Fantomatiche tecnologie per ridurre le emissioni di co2 questa gliela devo dire al mio prof di economia e tecnologia delle risorse energetiche

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma perché bisogna SEMPRE metterci di mezzo Bersani? Cos'è, il nuovo canovaccio del grillino dopo pidielle e pidimenoelle?

      Io le cose le tratto una alla volta, non tutte insieme. Non voglio dire alla gente per chi votare, ho semplicemente mostrato che Grillo (che seguo da secoli e che ho anche visto dal vivo a Livorno) dice un sacco di stupidaggini basate su dati falsi, e che le sue proposte politiche provengono dall'ideologia fascista post-bellica e sono ben accolte anche dagli ambienti degli skinhead.

      Questo dicono i riscontri OGGETTIVI. Questa NON E' un'opinione.

      Se ti sta bene sostenere un movimento che si basa su personaggi e proposte del genere, ti imploro di votarlo.

      Se invece ti fa un po' schifo essere vicino di banco di certa gentaglia cialtrona, ignorante, becera e violenta, inizia a farti venire dei dubbi. Perché la motivazione "gli altri sono tutti peggiori" regge solo per il popolo bove, e la gente che ragiona non è popolo bove.

      Elimina
  57. ho messo di mezzo bersani perchè nell'articolo di panorama c'è lui di mezzo non perchè grillo continua a screditarlo..
    purtroppo le scelte sono queste: i partiti cialtroni che fino ad ora hanno rubato nessuno escluso, m5s, non voto, vado via dall'italia.
    Comunque quando si parla di grillo si dimentica sempre che 1) lui non si candida 2) i membri del m5s sono gente comune laureati e non che sapranno o non sapranno fare politica (non mi interessa, per il momento a me basta che la vecchia classe politica venga sostituiuta)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancora con questa storia che non si candida... neanche la mafia si candida, e allora?

      Elimina
  58. mi fa più schifo stare vicino a gente ipocrita che promette non mantiene e ruba pure

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok benissimo. Il nazifascismo per te è un problema secondario. Perfetto.
      Buon divertimento.

      Elimina
  59. aaaa qui casca l'asino o perlomeno caschi tu.. perchè cancelli i messaggi? il punto non è se hai ragione o no il punto è che VUOI AVERE RAGIONE se ciò ti appaga fai pure ma i dati di fatto quelli rimangono, i ladri andranno a casa e con loro anche il pd

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E qui non ci siamo proprio.
      Non ho cancellato nessun commento. Semplicemente non sono online 24 ore al giorno. Se ho tempo approvo e rispondo, altrimenti rimangono in attesa. E non mi piace essere accusato di censura in maniera immotivata solo perché devi fare propaganda, stai sbattendo il muso con uno che ti smonta la propaganda del tuo Dio fascista, pregiudicato ed evasore fiscale, e stai cercando il pretesto per fare casino.

      Ora ti rimangi le accuse lettera per lettera.

      Inizia.

      Elimina
    2. Non ti approvo nessun commento senza scuse.

      Elimina
  60. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  61. http://www.linkiesta.it/sicilia-indagati-condannati

    LOL meglio 10000 nazi-grillini legali che un pdmenoellino illegale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come volevasi dimostrare.
      Come affermavo, «il nazifascismo per te è un problema secondario».

      Elimina
  62. Qua stiamo sbarellando,ma come è possibile definire una persona nazista perchè vuole la demoscrazia diretta?

    Spiego in passato si parlava di democrazia indiretta perchè va ad organizzare un parlamento che ad ogni legge richiedeva il voto del popolo allora per fare qualcosa si elegge un parlamento che fa le leggi.Oggi la democrazia diretta grazie a internet è possibile percio Grillo ne parla tanto.

    Poi perche un gruppo di neofascisti sostiene grillo nn significa che lui è uno di loro.........io posso avere la stima di un assassino killer psicopatico ma nn significa che lo sono anche io

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse non vuoi vedere come stiano le cose, ed è comprensibile.
      Se gli skinheads dichiarano che il programma di Grillo è condivisibile, non sono loro che sono diventati grillini. Sono i grillini che hanno prodotto un programma nazista.
      La politica si misura sui programmi, non sulla stima.

      Elimina
  63. sono nazzisti anche gli islandesi che stanno riscrivendo la costituzione via web?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I popoli non sono nazisti. Possono esserlo i loro capi.

      Elimina
  64. ma come mai non hai fatto post contro berlusconi, casini, bersani, vendola, di pietro, craxi, andreotti e ti accanisci proprio contro grillo? ammettendo che dica solo puttanate.. gli altri perchè si sono salvati? a questo punto mi viene da pensare che simpatizzi per uno di questi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono mica Bruno Vespa che deve fare i confronti al posto di Grillo. Ognuno espone quello che scopre su chi gli pare, così la gente è informata e può votare sapendo a chi consegna il voto.

      Elimina
  65. da questa tua risposta deduco che reputi grillo il più sporco di tutti.. e sottolineo un punto fondamentale delle tue accuse su grillo.. lui ha detto che gli islandesi si sono rifiutati di pagare il debito.. è VERO non ha sbagliato nella sua affermazione.. è una cosa che i politici fanno continuamente ovvero dire una mezza verità..
    Gli islandesi da come tu stesso affermi nel tuo articolo si sono rifiutati di pagare una parte del debito.. Ora se la dice un politico una mezza verità non muore nessuno perchè siamo abituati a essere trattati da idioti quindi una mezza verità è oro colato, se la dice Grillo è un fascista.. ma che ragionamento è? io l'ho interpretato in un altro modo grillo ha sottolineato il fatto che il presidente islandese sentendosi un RAPPRESENTANTE del popolo non poteva autorizzare un indebitamento senza sentire la voce del popolo e ha indetto un referendum... questo è l'esempio che Grillo voleva anche sottolineare, cosa che in italia ci sogniamo.. Ma a te questo aspetto nn interessa perchè da come palesemente hai fatto lo hai screditato e basta.. Ergo il post lo hai fatto in quanto lo reputi il più sporco di tutti.. Leggendo questo post mi è venuto in mente il detto: "Perché guardi la pagliuzza nell'occhio del tuo fratello? quando non ti accorgi della trave nel tuo?"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanche rispondo alle accuse di politichetta grillina. Io ho affermato certe cose, e lei non si deve permettere neanche per sogno di violentare il mio pensiero per adattarlo alla sua sporca propaganda. Chiaro?
      Acclarato questo punto, andiamo ai fatti.

      «se la dice un politico una mezza verità non muore nessuno perchè siamo abituati a essere trattati da idioti quindi una mezza verità è oro colato, se la dice Grillo è un fascista.. ma che ragionamento è?»
      Cambia quando Grillo ripete la stessa BUGIA per MESI E MESI, e siccome lui è ormai simbiotico di internet, o passa il tempo a farcisi le pippe oppure gli sarà capitato almeno una volta in tutto questo tempo di ricevere un'osservazione da qualche grillino meno decerebrato degli altri. Una cosa come «Mi scusi, ma sta sparando cazzate». Un conto sono le opinioni, un altro conto sono i dati di fatto.

      E non si metta a citare Gesù, che era un capitalista liberale.

      Elimina
  66. Innanzi tutto stai calmo.. sono libero di dire quello che mi pare come lo sei anche tu, se vuoi censurami non piangerò..
    Quindi funziona sempre nello stesso modo tu puoi violentare il pensiero di chiunque.. io no.. in italia come al solito c'è chi si sente di avere più prerogative degli altri, ma lasciamo stare..

    Cambia quando Grillo ripete la stessa BUGIA per MESI E MESI

    E invece se le dicono i politici per anni e anni e anni... Mi sembra giusto fare un post su grillo che lo dice da mesi.. ritornando al punto che ci sn persone che possono fare determinate cose e altri no..

    Non so se ci arrivi al mio punto a me non frega niente del post se è fascista o meno.. Io sto cercando di capire perchè ti sei dato la briga di fare una ricerca su grillo e di illuminare gli elettori su chi stanno votando quando in parlamento si fa lo schifo da venti anni.. Dove sei stato in tutti questi anni o mio paladino del popolo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. «Stai calmo» lo dice a sua sorella. Io scrivo un post sui problemi OGGETTIVI di Grillo e arriva uno che inizia a scrivere che simpatizzo per qualcuno degli altri (non è, ma anche se fosse? questo cambierebbe qualcosa?), che io «reputo grillo il più sporco di tutti» (l'ho scritto? NO), che siccome Grillo mente allora secondo me sarebbe fascista (non lo è per QUELLO, ma dimostra di usare la creduloneria della gente per propaganda), che a me non interessa l'aspetto particolare del Presidente che ha indetto il referendum ecc. ecc. (il discorso lo conosco a memoria e NON l'ha detto, bugiardo), e alla fine invece di affrontare il fatto che c'è un politico (perché tale è) che fonda un movimento su tesi fasciste mentendo a rotta di collo cosa le interessa? Testualmente:
      «Io sto cercando di capire perchè ti sei dato la briga di fare una ricerca su grillo e di illuminare gli elettori su chi stanno votando quando in parlamento si fa lo schifo da venti anni»
      Il solito ragionamento. Come direbbe Travaglio? Un bugiardo più un bugiardo non fa zero bugiardi. Fa sempre DUE BUGIARDI.

      Io, per fortuna, non faccio il paladino di nessuno. Controllo dei fatti, li metto a confronto e li offro in lettura.

      Dopo di che ci sono due tipi di reazioni. La prima è quella dell'uomo acculturato e civile, scevro da ideologie tendenziose, che controlla e verifica a sua volta e, alla fine, non può che concludere che Grillo è un bugiardo cronico che usa la bugia per arrivare al potere cercando di realizzare un progetto fascista gradito anche ai neonazisti nostrani.

      L'altra reazione è di chi al contrario ignora i fatti e parla d'altro pur di permettere la realizzazione di tale progetto. È normale. C'è chi, per fare dispetto alla moglie, si taglia l'uccello.

      Buon proseguimento.

      Elimina
  67. <>

    non ha senso.. grillo è un portavoce da visibilità, fa un pò di show.. poi si voterà il candidato non lui..
    Ovviamente se qualcuno poi non fila dritto verrò cacciato.. in questo non ci vedo nnt di male.. tanti membri di partito vengono arrestati e indagati e molte volte vengono pure rieletti.. A grillo questo non piace quindi si prende la libertà di escludere chi non cammina a passo di programma.. perchè se questo non viene rispettato o qualche candidato "caga fuori dalla tazza" mette in ombra tutto il m5s, e i giornali nn attendono altro..



    <>

    Ebè essendo un paladino della corretta informazione (è vero solo ciò che è vero) mi sarei aspettato, almeno, che andassi a vederti il video della sua affermazione.. se non ricordo male lui parla delle notizie manipolate..il cognato dice che il labiale non corrisponde alla traduzione fatta dai giornalisti quando uscivano i discorsi di Bin Laden.. nn ricordo il video se no lo avrei linkato.. http://www.ilsecoloxix.it/p/italia/2012/06/25/APTDhgnC-grillo_quella_apertura.shtml (è il secondo link che ho trovato dopo il corriere)

    Poi da quando ha dichiarato di volere abolire i finanziamenti ai giornali figurati di poterti informare correttamente di grillo dal corriere.. cerca di essere più realista..

    Democrazie diretta

    Ormai nella cacca ci siamo già, più in fondo non so se si possa andare e non vorrei sperimentarlo quindi si alla democrazia diretta.. alla fine sono idee già attuate vedi svizzera-islanda
    poi ci sono altre persone che preferiscono far rimanere le cose così come stanno.. e qui non capisco ma ci sn 3 soluzioni: 1) vogliono mantenere l'attuale "sistema" perchè ci sono dentro e gli fa comodo.. 2) non sanno che cazzo sia il m5s e si pongono contro magari perchè per sentito dire è giusto farlo (vedi i telegiornali e i giornali) 3)per indifferenza alla situazione attuale..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grillo se fa le epurazioni è un capo di partito, non è uno che semplicemente da visibilità. Sul memri (che fa un lavoro egregio) è falso che sia l'unica fonte di traduzione dei media italiani e occidentali, inoltre non si riesce a capire cosa abbia a che fare il suocero di grillo che è persiano con l'arabo. Mistero!
      Inoltre voi grillini siete invitati a provare la democrazia diretta iraniana in cui la repressione di internet è totale.

      Elimina
    2. gianni barbi21 ottobre 2012 02:23 dixit: «non ha senso.. grillo è un portavoce da visibilità, fa un pò di show.. poi si voterà il candidato non lui..»

      http://www.beppegrillo.it/2012/10/passaparola_-_comunicato_politico_numero_cinquantatre_-_beppe_grillo.html
      «io devo essere il capo politico di un movimento». Un pregiudicapo con simpatie fasciste.

      Elimina
  68. detto questo mi astengo da ulteriori interventi perchè uno che risponde <> dice inconsapevolmente tante cose.. mi sembra una risposta da bambino arrabbiato, ti ho solo detto di stare calmo.. :<> mi sembra una risposta da esagitati tutto qua.. senza contare il fatto che una persona SI PUò PERMETTERE di fare tutto ciò che gli è concesso e tu non sei nessuno come non lo sono io per dire cosa si può fare o non fare. Buona notte e buon proseguimento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cose divertenti nella sua difesa d'ufficio.
      - Ci sono "gli altri" brutti zozzi e non se ne salva uno, fanno tutti schifo ecc. e poi c'è Grillo: bisogna capire, analizzare, risentire attentamente quel tale intervento in quella piazza senza contraddittorio per poter distinguere senza però trarre conclusioni (se sono quelle che Grillo non vuole)
      - Grillo può mandare tutti affanculo con tanto di sputo virtuale, mentre se uno viene travisato nel suo pensiero e nei fatti che espone non se la deve prendere.
      - Meglio Grillo della situazione attuale... e qui siamo alla fotocopia dell'avvento sia del fascismo che del nazismo. Ottimo lavoro.

      Mi raccomando: hail Grillo.

      Elimina
  69. perchè il testo è modificato? mancano delle cose che ho scritto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È sicuramente un complotto dei poteri forti (fare oooohhhh).
      Lei è stato certamente censurato dal Governo Monti (prenderlo in giro storpiando il nome) e da Bersani (prenderlo in giro per il suo accento emiliano).
      In Islanda (o altro paese di moda) non funziona così. Lì il popolo comanda e decide cosa è vero e cosa è falso. Non come qui che si deve sempre verificare e si perde tempo.

      Per consolarla, eccole un bel video che descrive l'impresa di Grillo: http://www.youtube.com/watch?v=9k7hfXDozaE

      Elimina
  70. http://www.youtube.com/watch?v=SNeiUpsthqE
    ecco qua accontentato NN CORRISPONDE IL LABIALE è quello che dice.. smentito easy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di aver riportato la rispostina grillina. Peccato che Grillo abbia discettato di pena di morte non nella pubblica piazza o in un suo spettacolo (dove ha dipinto il MEMRI come l'unica agenzia che traduce le notizie del medio oriente e gli altri non potessero farlo... lei ha verificato o l'ha BEVUTA SENZA FIATARE?) bensì in una sua intervista con un giornale israeliano.

      Adesso può cortesemente piantarla di disinformare? Grazie.

      Elimina
  71. Secondo un'indagine del giornalista Brian Whitaker[2] il MEMRI è stato co-fondato nel 1998 da Yigal Carmon, ex colonnello del Mossad più tardi divenuto consigliere per l'antiterrorismo di Shamir e Rabin, e da Meyrav Wurmser, direttrice del Centro di politica medio orientale presso l’Hudson Institute di Indianapolis. L'organizzazione ha raggiunto una visibilità sempre crescente dopo gli attentati dell'11 settembre, in seguito all'accresciuto interesse del pubblico occidentale per l'area mediorientale.
    MEMRI è una fonte gratuita di traduzioni inglesi di materiale pubblicato in arabo e persiano che vengono riportate sul proprio sito e offerte ai maggiori quotidiani occidentali. Il MEMRI è stato accusato di parzialità e tendenze filo-israeliane, in particolare nella scelta del materiale da tradurre

    FONTE WIKIPEDIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E questo non solo come ho scritto non c'entra una beneamata fava lessa perché parlavo di altro, ma dimostra il contrario di quello che ha affermato Grillo. Il MEMRI NON È L'UNICA FONTE. Tutto il discorso di Grillo si basa su quello (il complottone degli ebrei, ovviamente... ma lui non è nazista NOOOO).

      Più insiste e più peggiora la sua situazione.

      Elimina
  72. ma sei all'ultima spiaggia? ovvero la presa per il culo? uno parla con toni pacati e tu rispondi come un deficente mah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che ci vuole fare, ho preso da Grillo. Vaffanculo.

      Elimina
  73. non mi abbasserò ai tuoi livelli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scritto da un grillino è esilarante.

      Elimina
    2. @ gianni barbi

      Guarda che il circo Mazzucco non è qui, hai sbagliato sito.

      Elimina
  74. @lifemagnetic hai 10 anni?
    "Deridiamo chi ha le opinioni diverse"
    Chi è il fascista? lol

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi faccia un piacere. Giri a Beppe Grillo la sua perla di saggezza:
      «ma sei all'ultima spiaggia? ovvero la presa per il culo?»
      E suggerisca al suo capetto borioso e prepotente di tirare fuori gli attributi e di affrontare le discussioni invece di essere stocazzo. Si chiama democrazia, e serve per capire cosa pensa uno.
      E faccia la stessa cosa anche lei, inutile clone pappagallo.

      Elimina
  75. grillo mica deride chi ha opinioni diverse... se deride il tuo caro pd che si spara figure di merda in continuazione non è lo stesso paragone.. la si deride l'inefficenza/ignoranza/criminalità/...
    Cosa pensa lo sanno tutti ma non è questo il punto.. andare in tv ormai lo sa fa solo per dire quanto si è bravi, che il proprio partito certe cose nn le fa.. BASTA MORALISTI.. fatti non pugnette se non ti sta bene grillo nn lo votare invece di rosicare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vede? Io faccio presente che uno vale uno ma oggi improvvisamente si scopre un CAPO POLITICO (non chiamatelo segretario di partito, o riceverete la letterina dei grillini offesi o poverini). La risposta è: il PD? Il PD? Questo è lo schemino? Guardare in casa degli altri perché la propria è indifendibile?
      Io non rosico, ma vorrei evitare il totalitarismo. Grillo, nel comunicato dal balcone (ops, volevo dire blog senza contraddittorio), ha tra l'altro confermato esattamente quello che ho scritto nell'articolo: cosa gli interessa?

      «Fare entrare nella Costituzione per esempio il fatto del referendum propositivo senza quorum, dell’obbligatorietà del Parlamento di discutere le leggi popolari»

      Anche i camerati credevano di salvare l'Italia imborghesita. Ma quella era la prima volta.

      Elimina
  76. e poi mi fai tanto il moralista, fascista di qua fascista di la e non sai affrontare una discussione senza tirare fuori mia sorella ma va ridicolo.. se vuoi dare l'esempio non fare come grillo.. no?
    minchia avrai 40-45 anni suonati e te le devo dire io ste cose?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è moralismo. È morale. Se non sa distinguere le cose, è un suo problema. Ma eviti di esporre la sua superficialità in pubblico, ne gioverà alla sua reputazione.

      Elimina
  77. il blog non ha contraddittorio? lol ma a te piace vedere delle capre che si urlano l'una conto l'altra? ora capisco tutto..
    cazzo più contraddittorio di internet cosa c'è? se voglio sapere che dice grillo? apro il blog e leggo.. se non sta bene a qualcuno scriverà la sua opinione.. a già dimenticavo il pd & c. sul web non se li caga nessuno...

    ok.. è diventato scocciante ma ti rispondo all'ulteriore bagianata dopo quella del post di life magnetic.. sembra che tu non sappia cosa dire e ogni volta tiri nuove cose..
    cmq "Guardare in casa degli altri perché la propria è indifendibile?"
    non sono sicuro di aver colto l'ironia/senso della frase.. cmq mi sa che lo fanno più i partiti auhauhauhauha questa era la stronzata dell'1:18 ma dai..
    lo hanno fatto i politici e lo stai facendo pure tu, cercare di sporcare la sua reputazione.. hahaha e a parte l'incidente non c'è nulla
    al contrario dei partiti che sono una sorta di centro di riabilitazione per condannati..
    proviamo a fare un giochino.. chiudi gli occhi e pensa al partito che voterai.. ci sei? ora conta quanti condannati ha dentro, conta quanti arresti, indagati ecc ecc bene io l'ho fatto con m5s e sono a 0 tu?
    per la prossima risposta di ancora qualcosa di inutile e che non centri nulla con quello di cui si parla.. ancora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è il contraddittorio? Perché, Grillo risponde? Non mi pare. Lui è il capo politico, garantisce che si fa quello che vuole lui, punto.
      Non sei d'accordo? Fuori dalle palle.
      Il resto è solo un mucchio di chiacchiere ripetitive per difendere un prepotente.

      Elimina
  78. a ma lo sai che se l'attuale governo fa passare la legge bavaglio (il tuo partito ne sarà complice) dovrai RETTIFICARE, e magari anche con tanto di scuse, le accuse che fai contro grillo di essere fassistaaa
    sarebbe davvero esilarante se ti arrivasse la letterina di grillino che fa richiesta di cancellare tutto uhauhauhaua

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora te lo scrivo facile facile così anche i grillini possono capirlo.
      Non sono del PD. NON SONO DEL PD. non sono del pd. NON sono DEL pd. non SONO del PD.
      Lo ripeto? Ok. NONSONODELPD NONSONODELPD NONSONODELPD NONSONODELPD NONSONODELPD.
      Tu sei grillino. Io non ho appartenenza politica. Chiaro adesso? Sei riuscito a capirlo? Bene.

      Adesso che non hai l'argomentino pronto fornito da Grillo, oltre a prendere per il culo (da razzista) Bersani per il suo accento come fa Grillo, vuoi esprimere un concetto attinente alle mie repliche o all'articolo, oppure vuoi insistere con le solite banalità che hai imparato da Grillo?

      Ce la fai ad esprimere un tuo pensiero? Grazie.

      Elimina

Non lasciare commenti che non sopporteresti di ricevere. E comunque sono accettate critiche ma non offese.